Lo strano mese di Luiz Adriano, da partente a possibile titolare contro il Genoa

Niang è in dubbio, Balotelli non convince e Menez ancora non è pronto. Luiz Adriano potrebbe così essere titolare Domenica, ma a Gennaio era stato di fatto ceduto.

Lo strano mese di Luiz Adriano, da partente a possibile titolare contro il Genoa
Luiz Adriano, prima stagione al Milan

Il mese di Gennaio è sempre un mese particolare. Campo e mercato si intrecciano come non mai e questo contatto può portare a situazioni e vicende ai limiti del paradossale. Vedere per credere le ultime settimane di Luiz Adriano. Ceduto dal Milan in Cina, rientrato in Italia per problemi sorti fra lui e il club che lo aveva acquistato, Domenica possibile titolare dal primo minuto.

Mihajlovic ha sempre detto di essere rimasto soddisfatto della permanenza del brasiliano ex Shakhtar a Milanello. Per qualcuno Luiz Adriano ha fatto meno di quanto ci si aspettasse, ma i suoi gol sono spesso stati pesanti e la professionalità da parte sua non è mai mancata. Sicuramente non deve essere stato facile a livello mentale metabolizzare tutti i ribaltoni delle ultime settimane. Sapere di essere sul mercato, partente con la giusta offerta, non deve essere tanto piacevole se sei arrivato da appena sei mesi nella tua nuova squadra. Luiz Adriano, però, non ha mai fatto polemica e una volta tornato a Milanello si è rimesso a completa disposizione di Mihajlovic e del Milan. Adesso il destino, nonostante le voci che continuano ad arrivare di interessi sempre vivi per lui in Cina, potrebbe regalargli un'inaspettata possibilità. Domenica alle 12.30 a San Siro contro il Genoa potrebbe esserci lui dal primo minuto al fianco di Bacca in attacco. MIhajlovic potrebbe anche pensarci, visto che gli altri attaccanti che ha a disposizione,  per un motivo o per un altro, potrebbero non essere pronti per la sfida contro la squadra di Gasperini. All'andata il Milan giocò una delle sue peggiori gare e perse in maniera meritata a Marassi e Luiz Adriano era in campo. Un girone dopo potrebbe riavere una chance dal primo minuto.

La coppia sudamericana con Bacca, prima del ritorno prepotente di Niang, sembrava poter funzionare, soprattutto grazie al lavoro di raccordo fra centrocampo e attacco che Luiz Adriano era in grado di fare. Adesso, più per necessità che per scelta, Mihajlovic potrebbe dover ricorrere ancora all'ex Siviglia e all'ex Shakhtar insieme per provare a battere il Genoa e proseguire la rincorsa all'Europa.


Share on Facebook