Milan, Sheva promuove a metà Bacca: "E' forte, ma per un altro salto di qualità deve fare di più"

Andriy Shevchenko commenta la tripletta di Carlos Bacca, ma ha delle osservazioni sul modo di giocare del colombiano.

Milan, Sheva promuove a metà Bacca: "E' forte, ma per un altro salto di qualità deve fare di più"
Andriy Shevchenko, ct dell'Ucraina, eurosport.co.uk

Il secondo marcatore del Milan di tutti i tempi, con 175 reti segnate con la maglia rossonera in tutte le competizioni, è un giudice prestigioso, ma severo, se si parla di attaccanti oggi in forza al Diavolo. Andriy Shevchenko, da qualche settimana nuovo CT dell'Ucraina, si esprime alla Gazzetta dello Sport su Carlos Bacca, assoluto protagonista dell'esordio vincente del Milan contro il Torino.

L'ex bomber ucraino riconosce la forza del colombiano e le sue qualità, ma lo invita a fare di più per compiere un ulteriore salto di qualità, magari insieme alla squadra: "E’ un bel vantaggio per un club avere un attaccante che può risolvere le partite. Dopo qualche stagione storta c’è molto da ricostruire e avere in rosa uno con il gol facile è fondamentale per un allenatore. Però Bacca deve fare di più, leggere meglio le situazioni collettive, migliorare nel gioco di squadra. Soltanto così potrà fare un altro salto di qualità. Comunque è un attaccante che mi piace molto e l’ho apprezzato anche nella stagione passata. E’ bravo ad attaccare gli spazi, è bravo dentro l’area e ha senso del gol. E’ veloce, forte.

Carlos Bacca, tuttosport.com
Carlos Bacca, tuttosport.com

Il fatto che il Milan non sia più quello del passato ha un'incidenza, secondo Shevchenko: "Peso della maglia? Mah, forse adesso la maglia del Milan pesa un po’ meno. Una volta si arrivava in una squadra ricca di campioni che lottava per tanti titoli, quindi magari si poteva restare intimoriti. Ora non è più così, però anche ricostruire e ripartire è un’impresa complicata, per gli attaccanti e per qualsiasi altro giocatore. D’altra parte Bacca è arrivato dalla Spagna lo scorso anno ed era già un giocatore maturo. Deve vincere per essere paragonato a qualcuno. Adesso è presto, e poi i paragoni sono sempre un po’ antipatici. Gli manca ancora la continuità. Le qualità sono buone e ha cominciato bene questa stagione con un nuovo allenatore, ma la continuità è una dote necessaria per fare strada nel calcio. Continuità e capacità di aiutare la squadra."

AC Milan