Milan, Montella pensa al campo: "Closing non deve essere un alibi. Col Chievo ci sarà da soffrire"

Tra campo e cessione della società, Vincenzo Montella prepara i rossoneri alla sfida contro i clivensi. Possibile che Sosa e Locatelli scendano in campo inseme.

Milan, Montella pensa al campo: "Closing non deve essere un alibi. Col Chievo ci sarà da soffrire"
Fonte immagine: PianetaMilan

Mentre tengono banco le faccende extra-campo, con il ritardo del closing e tutte le speculazioni del caso, il Milan deve pensare al campo. Domani sera a San Siro, nell'anticipo della 27esima giornata di Serie A, arriva il Chievo, una squadra insidiosa, capace di ottimizzare il proprio rendimento e ottenere il massimo dai propri elementi.

Vincenzo Montella è conscio dell'importanza della partita, tanto che, in conferenza stampa oggi a Milanello, ha elogiato l'avversaria: "Ci sarà da soffrire anche domani, ma sono contento che la squadra sappia soffrire e sappia vincere. Il Chievo ottiene risultati anche con esperienza, sanno aspettare per colpire, sanno sfruttare l'avversario. Complimenti al Chievo che è una realtà importante".

Il tecnico si concentra anche sul discorso closing, come anticipato, il tema principale in casa rossonera in questo periodo. Un argomento che però non influenza e non deve influenzare i giocatori: "Non ci pensiamo, non siamo preoccupati perché è tutto regolare qui, pensiamo solo a lavorare. Non voglio che la squadra crei degli alibi, giochiamo a calcio e cerchiamo di farlo bene. Usiamo le energie per questo e non per pensare ad altro. Sono orgoglioso di allenare questi calciatori. Pensiamo solo al campo, la società è presente".

Parlando di campo, Montella tira le somme dando un occhio all'infermeria e ipotizzando gli uomini nel proprio 4-3-3: "Romagnoli è recuperabile, Calabria lo stiamo valutando rispetto all'attacco influenzale Abate è sotto osservazione, Montolivo sta bene e corre già da alcune settimane. Antonelli anche lui sta bene e settimane prossima gradualmente dovrebbe allenarsi con la squadra". Idealmente troverà spazio De Sciglio a destra, mentre Vangioni dovrebbe essere confermato a sinistra. 

A centrocampo potrebbero invece vedersi, insieme, Sosa e Locatelli, che si sono spesso avvicendati nel ruolo di registra. Davanti spazio a Carlos Bacca, sul quale il tecnico si è così speso: "Come energie credo che il rigore segnato a Sassuolo cambierà la sua stagione. Vogliamo sfruttarlo al meglio e anche lui può dare qualcosa in più per portarci in alta classifica".

Sul discorso degli obiettivi, invece, Montella si scuce il giusto, pronosticando che Juve, Roma e Napoli non perderanno il proprio posto in Champions League, confermandosi come top 3 per il secondo anno consecutivo. Il tecnico però lascia aperti degli spiragli al suo Milan: "Le prime tre saranno le stesse di ora, anche se l'Atalanta potrebbe avvicinarsi. Sarà una lotta fino all'ultima giornata. Noi siamo in scia, siamo competitivi, abbiamo superato un momento di difficoltà ed ora tocca a noi".


Share on Facebook