Milan, continuano i dialoghi tra gli advisor di SES e Fininvest

Continuano i colloqui tra le due parti, con Fininvest che dovrebbe incassare un'altra caparra da parte di Sino-Europe Sports per il prossimo venerdì 10 Marzo.

Milan, continuano i dialoghi tra gli advisor di SES e Fininvest
Milan, continuano i dialoghi tra gli advisor di SES e Fininvest - getty images

Closing Milan? Work in progress. 

In casa rossonera continua a tenere banco la questione relativa al closing: la vendita del Milan è stato rinviata poiché non si è arrivati ad un accordo fra i dirigenti di Fininvest e i cinesi di Sino-Europe Sports nei giorni scorsi. 

Dopo le ultime vicende che hanno creato malumore nell'ambiente rossonero, nella giornata di ieri a rassicurare i tifosi ci ha pensato direttamente Silvio Berlusconi: "I cinesi ci hanno chiesto una ulteriore breve proroga, e in questo non vedo nulla di preoccupante. Gli investitori hanno versato caparre considerevoli a riprova della serietà delle loro intenzioni". L'ottimismo dell'ex presidente del Consiglio, come si evince, è condiviso dalla sponda cinese. 

Quest'oggi Peppe di Stefano, inviato di Sky Sport, ha fatto il punto della situazione in ambito closing. Entro venerdì dovrebbe arrivare un nuovo accordo tra Fininvest-SES per un’ulteriore proroga dietro il pagamento di un’altra caparra. Come ricorda poi lo stesso giornalista: "Contrattualmente non c'è più un'intesa - come riportano i colleghi di Milanwes.it- perchè il contratto è scaduto: affinchè venga preparato un nuovo contratto, ci deve essere un ok da ambo le parti per quanto riguarda le nuove condizioni, il nuovo accordo e le nuove tempistiche. A quel punto si avrebbe un nuovo contratto, che verrebbe attivato solo ed esclusivamente dopo il versamento dei 100 milioni di euro: siamo già arrivati a martedì e un accordo non è ancora stato raggiunto, e attenzione ad un possibile slittamento, solo una possibile ipotesi. C'è un gentlemen agreement tra le parti, altrimenti vedremo se ci saranno altre cordate pronte ad approfittare della situazione". 

Quindi se entro venerdì 10 marzo non dovessero arrivare i 100 milioni di euro della terza caparra, l'attuale presidente del Milan potrebbe decidere di tenersi i 200 milioni versati finora dai cinesi e magari potrebbero ritornare in corsa altri soggetti (Nicholas Gancikoff ad esempio) o magari presentarsi nuovi acquirenti interessati al Milan.

Sarà una lunga settimana, speriamo decisiva. Questa squadra, i suoi tifosi meritano di sapere.

AC Milan