Milan, Montella cerca soluzioni: tra squalifiche e infortuni col Genoa sarà emergenza

I veleni portati in dote dal post partita dello Juventus Stadium, potrebbero costare molto caro al Milan di Vincenzo Montella, in attesa di conoscere quale sarà il verdetto del giudice sportivo a riguardo degli spiacevoli episodi. Col Genoa, sono certe le assenze di Romagnoli, Suso e Sosa. Ancora da valutare Bacca, che rischia una stangata, così come Donnarumma, Poli e De Sciglio. Pessimismo per Abate, ancora alle prese con i problemi all'occhio.

Milan, Montella cerca soluzioni: tra squalifiche e infortuni col Genoa sarà emergenza
Gigio Donnarumma, anche lui a rischio squalifica dopo i fatti post Juve - Milan. Fonte foto: 90min.com

La rabbia e la frustrazione per una mezza impresa svanita proprio all'ultimo istante, potrebbero costar molto caro al già incerottato Milan di Vincenzo Montella. Prima della sosta per le Nazionali, i rossoneri dovranno affrontare il traballante Genoa di Mandorlini, sabato sera a San Siro; il rischio, è che il Diavolo arrivi alla delicata sfida di sabato in totale emergenza, viste le assenze già certificate e quelle che potrebbero scattare per mano del giudice sportivo.

Domani, nel primo pomeriggio, sono attesi i verdetti a riguardo di Donnarumma, Bacca, Romagnoli, Poli e De Sciglio. I cinque, sono quelli a maggior rischio squalifica dopo il teatro messo in piedi sul prato dello Stadium, nell'immediato post partita della sfida con la Juventus.
Le possibili assenze di quest'ultimi - quella di Romagnoli è già certa poiché diffidato e ammonito - andrebbero a sommarsi alle defezioni di Sosa - anch'esso certo della squalifica - e Suso, bloccato per almeno due settimane da un problema al bicipite femorale. Inoltre, è probabile che Ignazio Abate dia ancora una volta forfait: il problema all'occhio con cui sta convivendo il vice Capitano rossonero sembra più grave del previsto, e la degenza si sta allungando settimana dopo settimana.

Fonte foto: gazzetta.it
Fonte foto: gazzetta.it

Dunque, considerando l'alto tasso di rischio a cui vanno in contro soprattutto Bacca e Romagnoli, Montella sta già calcando strade inesplorate, cercando di prevenire quella che potrebbe essere una situazione di vera emergenza. 
A centrocampo, toccherà nuovamente a Manuel Locatelli, assente a Torino per via di un attacco influenzale. In avanti invece, sembra giunta l'ora di Gianluca Lapadula, che non parte dal 1' minuto ormai da tempo immemore.
Molto più intricata la questione relativa alla difesa: già certa l'assenza di Romagnoli, per vie centrali Montella potrebbe optare per la coppia Zapata - Paletta, con il rientro di Vangioni a sinistra. Questo scenario, è ipotizzabile solo nel caso in cui De Sciglio non verrebbe sanzionato dal giudice sportivo. In quel caso infatti, verrebbe a crearsi una vera e propria criticità. A quel punto, uno tra Calabria e Zapata verrebbe spostato a destra, con Gomez a fare il centrale di difesa. 

Fonte foto: gazzetta.it
Fonte foto: gazzetta.it

Infine, nel caso di stangata anche per Donnarumma, l'esperienza di Storari dovrebbe esser preferita alla freschezza del classe 2000 Plizzari. 

Nella migliore delle ipotesi, il Milan che scenderà il campo col Genoa sarà il seguente: (4-3-3): Donnarumma; Vangioni, Zapata, Paletta, De Sciglio; Bertolacci, Locatelli, Kucka; Deulofeu, Bacca, Ocampos.
Nella peggiore delle ipotesi invece, Montella sarebbe costretto a schierare un 4-3-3 ben diverso da quello sceso in campo allo Stadium: Storari; Vangioni, Gomez, Paletta, Calabria/Zapata; Bertolacci, Locatelli, Kucka; Ocampos, Lapadula, Deulofeu.

Le ipotesi dunque, sono molte; Montella, che nel dopo partita di Torino si è dimostrato il più lucido, sta già lavorando a quelle che potrebbero essere le mosse in vista del Genoa. Tutto però, resta sospeso, in attesa di capire quello che verrà sancito domani pomeriggio.


Share on Facebook