Come giocherà il nuovo Milan?

Il dubbio è lecito: come giocherà Vincenzo Montella con tutti questi nuovi innesti?

Come giocherà il nuovo Milan?
acmilan

Giorno dopo giorno il nuovo Milan sta prendendo forma: sono sei già gli acquisti ufficiali, ma Fassone e Mirabelli non si fermeranno di certo qui. Conti firmerà oggi, ma i due dirigenti rossoneri piazzeranno almeno altri due colpi, se non tre prima della fine del calciomercato. Dunque Vincenzo Montella avrà almeno otto, nove o addirittura dieci giocatori che dovrà iniziare a conoscere. Ora la domanda sorge spontanea: come giocherà il nuovo Milan? Abbiamo provato a dare una risposta. 

IL NUOVO MILAN TARGATO CINESE

Ieri, nella prima conferenza stampa di stagione, Vincenzo Montella ha parlato del possibile modulo che adotterà:

"Quando si costruisce una squadra ci deve essere un modello di gioco di riferimento, ma è importante anche avere una variante. L'importante è non stravolgere i principi di gioco". 

Dunque, il tecnico rossonero ha fatto capire che il modulo di partenza sarà ancora il 4-3-3 che garantisce più equilibrio dal punto di vista tattico, ma cambieranno moltissimi interpreti. Gigio Donnarumma lo abbiamo messo tra i pali, anche se il portiere rossonero deve ancora esprimersi in maniera definitiva sul proprio futuro. La coppia centrale sarà composta da Musacchio e Romagnoli, i laterali invece saranno Rodriguez e Conti: i due terzini hanno nelle gambe grande pericolosità offensiva tra spinte ed inserimenti in area di rigore, ma, allo stesso tempo, dovranno garantire un apporto difensivo.

Capitolo centrocampo: Biglia se verrà, o al massimo Montolivo, vestirà i panni del regista, con Kessie' da una parte e Bonaventura dall'altra. E per il momento il tridente offensivo sarebbe composto da Suso, Andres Silva e Calhanoglu, il quale può essere adattato come attaccante esterno, perchè il 4-3-3 non prevede un 10 classico, ma il classe '94 potrebbe posizionarsi alle spalle del centravanti, sulla sinistra, facendo terzetto con Suso a destra e Giacomo Bonaventura a sinistra, dietro ad Andrè Silva in un ipotetico 4-2-3-1, visto che il giocatore turco è capace di incidere soprattutto da trequartista e solo all’occorrenza da mezzala. Il modulo 4-2-3-1 è più fantasioso e stimolante per i giocatori, ma anche per i tifosi è molto spettacolare. 

4-3-3 

4-2-3-1

4-3-1-2

"Le due punte? Noi abbiamo spesso giocato con tre punte l'anno scorso. E' comunque una possibilità, dipende dalle caratteristiche dei giocatori". 

Nel corso di questa stagione Montella ha schierato anche Lapadula e Bacca assieme. Un modulo però che non ha mai entusiasmato il tecnico campano, ma cambiando gli interpreti (Andre' Silva e Kalinic) le due punte potrebbero portare beneficio alla rosa in termine realizzativi. 

Montella dovrà risolvere i dubbi legati al modulo da utilizzare a partire già dal primo impegno ufficiale del Milan, il preliminare di Europa League. Perchè alla fine l'unica cosa che conta è far parlare i fatti.

AC Milan