Milan-Borussia Dortmund, Montella ricomincia dal 4-3-3. Rimandato l'esordio del 3-5-2

Primo impegno dell'International Champions Cup per i rossoneri che affrontano il Dortmund del sogno Aubameyang

Milan-Borussia Dortmund, Montella ricomincia dal 4-3-3. Rimandato l'esordio del 3-5-2
Vincenzo Montella, acmilan.com

Il mercato del Milan ha stravolto la rosa a disposizione di Vincenzo Montella, ma fino a che non avrà a disposizione tutti i nuovi innesti arrivati grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli, il tecnico non sembra avere intenzione di sperimentare troppo a livello tattico. Ecco che quindi contro il Borussia Dortmund, primo dell'International Champions Cup con inizio alle 13.20 ora italiana, il Milan scenderà in campo ancora una volta con il 4-3-3.

G. Donnarumma; Abate, Paletta, Musacchio, Rodriguez; Kessie, Sosa, Calhanoglu; Borini, Bacca, Bonaventura. Questa la possibile, probabile, formazione che Vincenzo Montella manderà in campo dal primo minuto contro i tedeschi. Il condizionale comunque è d'obbligo, anche perchè le sedute di allenamento che si sono svolte fino a questo momento in terra tedesca sono state a porte chiuse, con Montella che non ha permesso nè alla stampa nè ai tifosi di vedere i rossoneri al lavoro. Un modo anche per tenere alta la tensione da subito in un gruppo che vede tanti volti nuovi e che si prepara ad accogliere anche Andrè Silva, Conti, Biglia e Bonucci che si imbarcheranno verso la Cina nella giornata di oggi, pronti ad unirsi al resto dei compagni e magari a fare l'esordio in maglia Milan nel prossimo impegno contro il Bayern Monaco. Una partita alla volta, però, perchè già contro il Borussia non mancano i motivi di interesse e curiosità.

Sia fra i nuovi arrivati che fra i giocatori già presenti in rosa, tutti hanno da dimostrare qualcosa a Vincenzo Montella. Donnarumma vuole far capire a tutti che la vicenda rinnovo è ormai alle spalle. In difesa c'è curiosità per vedere all'opera Musacchio e Rodriguez contro avversari di un certo livello e con qualche allenamento in più nelle gambe. Test utile quindi per iniziare ad intuire condizione fisica e primi segnali di intesa con il resto della squadra. Stesso discorso per Kessi e Calhanoglu. Per altri, invece, questo potrebbe essere uno degli ultimi tentativi per non finire sulla lista dei partenti. Paletta, ad esempio, piace a molti e il Milan non gli rinnoverà il contratto in scadenza nel 2018, idem Sosa. Abate se la dovrà giocare con Conti per la fascia destra, mentre in attacco anche la situazione di Bacca non è delle più comode. Andrè Silva è in arrivo, il Milan cerca sul mercato un top nel ruolo e l'anno prossimo ci sono i Mondiali in Russia. Calcio di luglio, ma gli spunti sono davvero già parecchi.