Il Milan perde 3-1 contro il Borussia Dortmund: le parole di Montella e Çalhanoglu a fine gara

I rossoneri perdono la sfida dell'International Champions Cup

Il Milan perde 3-1 contro il Borussia Dortmund: le parole di Montella e Çalhanoglu a fine gara
acmilan

Inizia male l'avventura cinese del Milan: i rossoneri si arrendono 3-1 contro il Borussia Dortmund nella prima sfida dell'International Champions Cup. Va detto che Montella era orfano di molti dei suoi nuovi giocatori. Un risultato che ci sta contro un avversario più rodato e avanti nella preparazione atletica. Man of the match è stato sicuramente  Pierre-Emerick Aubameyang, grande obiettivo del club di via Aldo Rossi. 

Milan-Borussia Dortmund 1-3: tabellino

MARCATORI: pt 17′ Sahin, 20′ Aubameyang rig., 23′ Bacca; st 17′ Aubameyang.

MILAN (4-3-3) – Storari ; Abate (18′ st Antonelli ), Paletta (1′ st Musacchio 6), Zapata, Rodriguez 4.5 (18′ st Gustavo Gomez); Kessié (45′ st Gabbia ng), Mauri, Bonaventura (18′ st Sosa 6); Borini , Bacca (18′ st Cutrone), Niang (1′ st Calhanoglu). Allenatore: Vincenzo Montella.

BORUSSIA DORTMUND (4-3-2-1) – Weidenfeller (1′ st Reimann); Piszczek  (1′ st Passlack), Bartra 6 (28′ st Subotic), Sokratis, Zagadou ; Sahin, Castro (28′ st Schurrle ), Rode (18′ st Gotze); Dembélé (18′ st Mor), Pulisic (18′ st Durm); Aubameyang (28′ st Isak). Allenatore: Peter Bosz.

Le parole de post partita

Montella: "Ho visto applicazione e carattere da parte nostra"

"Non possiamo guardare il risultato. Ho visto una squadra applicata, di carattere. Ci sono delle cose sulle quali dobbiamo lavorare, ma lo spirito è sempre lo stesso. Ho visto una squadra ordinata, applicata e di carattere. Ha saputo soffrire, ma anche di reazione e anche i giovani hanno fatto bene" ma tante difficoltà indivuduali: "Dembélé è un giocatore straordinario, uno dei pochi al mondo che gioca con estrema facilità sia con il destro che col sinistro. È quasi immarcabile. Nei primi minuti abbiamo sofferto il loro ritmo che è stato molto, molto alto". 

Giovedì prossimo c'è l'impegno molto importante contro il Craiova: "Arrivarci al 70% della condizione? Mi accontenterei. Spero che chi arriverà sia allenato come noi o più. È una partita fondamentale per noi"

Chiusura sui singoli, Calhanoglu: "E’ un giocatore di grandissimo talento. Può farti infiammare. Ha grande applicazione e voglia di migliorare. Speriamo che possa esprimere presto tutto il suo potenziale" e  Bonucci: "Ormai è uno di noi a tutti gli effetti. È stato un grandissimo colpo della società e siamo contenti di averlo con noi". 

Çalhanoğlu: "Dobbiamo lottare per il titolo"

 Il fantasista turco ha le idee chiare: "Lottare per il titolo? Sì, dobbiamo, perchè quest'anno abbiamo una squadra molto buona. I tifosi sono grandiosi, speriamo di vincere per loro". Sulle punizioni: "Montella ci comunicherà chi batterà i calci di punizione in questa stagione, oggi è toccato a me. Spero di poterli calciare sempre". Infine sul progetto del Milan: "E' un buon progetto, abbiamo una nuova squadra e bisogno di tempo per ambientarci con i vecchi giocatori. Il primo appuntamento sarà il 27, questo contro il Borussia Dortmund è stato un ottimo test, ora ci ripeteremo contro il Bayern Monaco". 

AC Milan