Bonucci: "Che entusiasmo da parte dei tifosi. Voglio riportare il Milan ai fasti del passato"

Il nuovo acquisto rossonero ha parlato delle emozioni in questi primi giorni da nuovo giocatore del Milan e della voglia di far dimenticare ai tifosi le ultime annate deludenti per riportare il club in alto

Bonucci: "Che entusiasmo da parte dei tifosi. Voglio riportare il Milan ai fasti del passato"
bonucci durante la partita milan-bayern monaco (fonte foto tuttosport)

Dopo l'esordio in maglia rossonera nel netto successo contro il Bayern Monaco, il neo acquisto del Milan Leonardo Bonucci ha parlato a Milan Tv di questi primi giorni in rossonero tra la felicità per questa nuova sfida professionale e la consapevolezza di giocare in uno dei club più vincenti della storia del calcio e che ora vuole cercare di tornare ai fasti del passato.

"E' stato veramente bello essere ricevuto con così tanto entusiasmo dai tifosi. E' giusto puntare in alto e cambiare la rotta degli ultimi anni, lo merita la storia di questa squadra".

Bonucci ha poi spiegato l'approdo a difensore centrale: "Ho cominciato a fare il difensore all'età di 16 anni, prima giocavo anche come centrocampista davanti alla difesa e attaccante. Poi nella squadra berretti della Viterbese il mio allenatore Perrone mi ha fatto diventare un difensore nonostante non fossi convinto, ma alla fine ha avuto ragione lui visti i risultati raggiunti".

L'ex Juventus svela chi sono i campioni a cui si ispirava da piccolo: "Il mio idolo da ragazzino era Del Piero perchè ero attratto dal far gol e fare assist e ho avuto la fortuna di giocarci insieme. Come difensore il mio punto di riferimento è stato Nesta perchè è stato un maestro di questo nuovo modo di difendere per la sua eleganza e per come giocava la palla. Ho avuto la fortuna di conoscerlo e di chiedergli la maglia, è stato molto emozionante."

Grandi emozioni ma anche grandi responsabilità: "Nel Milan ci sono stati tanti campioni come Baresi, Costacurta, Maldini, Kakà e Shevchenko. Quando sono entrato nel museo del Milan è stato emozionante vedere i grandi trofei di questa squadra. Ho subito capito e captato il blasone di questo grande club, adesso dopo l'ottima campagna acquista della società è compito nostro riportare il Milan ai fasti del passato."

Ecco infine i giocatori più forti con cui ha giocato da avversario e da compagno di squadra: "L'avversario più forte con cui ho giocato è stato Cristiano Ronaldo per la sua completezza. Il compagno più forte invece è stato Pirlo per la sua grande qualità, quando gli davi il pallone lo mettevi in cassaforte, ci trasmetteva grande tranquillità con la sua qualità".

 


Share on Facebook