Milan - senti Montella: "Difesa a 3? Mi intriga, mi piace come idea"

Il tecnico del Milan ha parlato alla Gazzetta dello Sport: "Bonucci è un professionista altamente competitivo, con la mentalità e il suo modo di pensare è riuscito a ottimizzare al massimo il suo motore. Sarà un esempio per i giovani".

Milan - senti Montella: "Difesa a 3? Mi intriga, mi piace come idea"
acmilan

Vincenzo Montella ha rilasciato una lunga intervista alla Gazzetta dello Sport. Dopo aver parlato dei prossimi colpi che Fassone e Mirabelli potranno fare e del proprio rinnovo, il tecnico del Milan ha raccontato alcuni aneddoti del grande innesto di questa sessione di mercato, ovvero Leonardo Bonucci: "Con il club c’è grande condivisione su tutti i giocatori, ovviamente con loro al 51%

acmilan
acmilan

e io al 49%. Ecco, con Bonucci è l’unico caso in cui è stato il contrario. Ero convinto fosse raggiungibile, mi fidavo di chi me lo diceva, mentre i miei dirigenti avevano una percezione diversa. Mandavo a Mirabelli almeno dieci messaggi al giorno, con tre sole parole. Buongiorno, o buonasera, direttore: Bonucci. Con il direttore abbiamo un rapporto schietto e continuo, condividiamo anche gli stessi vizi (ride, ndr). Bonucci è un professionista altamente competitivo, con la mentalità e il suo modo di pensare è riuscito a ottimizzare al massimo il suo motore. Sarà un esempio per i giovani. Non so se senza di lui la Juve si sia indebolita, ma di certo noi ci siamo rinforzati. Non credo possa essere una figura ingombrante nello spogliatoio: solo chi lo vede ingombrante a priori lo può percepire come una minaccia. Difesa a 3? Mi intriga, mi piace come idea, ma devo dire che con questi giocatori possiamo davvero usare tanti sistemi. Ho l’imbarazzo della scelta". 

In chiusura, non poteva mancare anche la domanda sull'altro caso dell'estate, il rinnovo di Gigio Donnarumma: "Se c’è il mio zampino anche nella vicenda Donnarumma? No, io non c’entro nulla. E’ stato Mirabelli a toccare le corde giuste. Io ho parlato con la famiglia perché loro sentivano l’esigenza di parlare con me. Ma non gli ho parlato da allenatore, ho solo raccontato la mia esperienza. Scelta giusta quella di Gigio? Più che per il progetto del club, l’ha fatta per se stesso. Lui è fantastico perché ha la capacità di unire tutte le fasce di età. Quando ha rinnovato, mia nipote Martina, che ha 7 anni, si è messa a piangere e sono certo che lo abbia fatto anche qualche nonna di 70. E’ entrato nel cuore di tutti, anche dei non milanisti, e sono certo che continuerà a essere amato dai tifosi. Raiola? Un botta e risposta nato e finito lì. Io non ho problemi con lui e lui non credo ne abbia con me"

AC Milan