Diretta Lazio - Napoli, risultato partita Serie A live

Lazio
0 1
Napoli
Lazio: (4-3-3) - Berisha; Basta, Cana, Radu, Cavanda (Pereirinha); Ledesma (46' Klose), Biglia, Parolo (Cataldi); Candreva, Djordjevic, Keita.
Napoli: (4-2-3-1) - Rafael; Maggio, Koulibaly, Albiol, Strinic; Gargano, Lopez; Callejon, De Guzman (Jorginho), Mertens (Hamsik); Higuain (Zapata).
SCORE: 18' Higuain.
ARBITRO: Nicola Rizzoli. Ammoniti: Ledesma, David Lopez, Parolo, Mertens, Keita.
NOTE: Dallo Stadio Olimpico di Roma, 19^ Giornata della Serie A Tim: Lazio-Napoli.

Questa la classifica della Serie A dopo i primi 3 incontri della 19^ Giornata.

Ottima prestazione della Lazio, che forse avrebbe meritato qualcosa in più. Ma ancora una volta Higuain, bestia nera dei biancocelesti, decide la partita a favore del Napoli. Decimo gol in campionato per Higuain.

Vittoria pesantissima del Napoli, che supera proprio la Lazio, e si porta al terzo posto con 33 punti. 

Finisce il lunch match della 19^ gioranta della Serie A Tim: Lazio - Napoli 0-1!
Decide un gol di Higuain, man of the match della partita. 

RAFAEEEEEEEL SALVA IL NAPOLI SUL DESTRO DI KEITA!

95'- Fallo di Maggio su Keita a 50msecondio dalla fine. Sale anche Berisha.

93'- Il Napoli fa scorrere i minuti nella metà campo biancoceleste.

92'- Iguardabile Hamsik che tutto solo in area non conclude. Sugli sviluppi dell'azione lo stesso centrocampista slovacco mette al centro per Callejon che tira di petto, ma Pereirinha salva tutto sulla linea.

91'- Grande chiusura di Koulibaly, che prova anche a lanciare Zapata nello spazio.

Sono ben 5 i minuti di recupero!

90'- Rafael resta a terra dopo aver subito un colpo da un compagno di squadra. Rizzoli ferma il gioco e segnala che sarà tutto recuperato. 

89'- Chiude tutto Gargano, che salva la sua retroguardia. 

88'- Ottima giocata di Zapata che tiene palla sulla destra. 

87'- Passano i minuti ed il Napoli resiste. I biancocelesti provano il tutto per tutto in questi minuti finali.

85'- Higuain prova a lanciare Callejon nello spazio, ma il suo lancio non è preciso. E' l'ultima azione per Higuain che esce per lasciare spazio a Zapata.

84'- La Lazio prova il forcing finale.

Si apre la giostra dei cambi: Pioli manda in campo anche Pereirinha al posto di Cavanda; mentre Benitez manda in campo Jorginho al posto di De Guzman.

82'- Pioli fa esordire in Serie A Cataldi, facendolo entrare al posto di Parolo.

81'- Tiraccio di Candreva tutto solo dal limite dell'area!

80'- Bella azione della Lazio con Candreva, palla sulla sinistra per Keita che non riesce a saltare Callejon. Il pallone finisce sui piedi di Cavanda che spara alle stelle.

79'- Albiol alla Cannavaro!! Che chiusura del centrale spagnolo.

78'- Rizzoli ammonisce Gargano per un'entrata dura su Parolo. Gargano era diffidato e salterà quindi la sfida con il Genoa.

77'- De Guzman trova l'inserimento di Hamsik, lo slovacco prova il tiro ma viene murato da Cana. 

75'- Parolo prova il tiro dal limite, palla alta sopra la traversa!

72'- Grande chiusura di Radu su Hamsik lanciato in contropiede.

71'- Nulla di fatto sugli sviluppi del calcio piazzato.

70'- Buona azione del Napoli sull'asse Maggio-Callejon, con Keita che trattiene e stende l'attaccante spagnolo. Giallo per il giocante attaccante biancoceleste.

66'Occasione Lazio con Keita! Dopo un cross di Candreva il pallone arriva a Keita,  che prova a saltare Gargano ma viene poi murato dal centrocampista uruguagio.

65'- Keita continua a spingere sulla fascia sinistra, e conquista l'ennesimo calcio d'angolo. Higuain libera l'area di rigore. Sugli sviluppi dell'azione Basta prova il destro dal limite che finisce tra le mani di Rafael.

64'- Radu scivola, ma riesce a recuperare su Higuain. 

63'- Klose stende Hamsik, fermando una pericolosa ripartenza partenopea.

Ed infatti ecco pronto il cambio di Benitez. Entra Hamsik ed esce Mertens.

61'- Altra occasione sprecata da Mertens. L'attaccante belga poteva creare una pericolosa superiorità numerica, ma si è lasciato ipnotizzare da Basta. 

59'- Ammonito Mertens per simulazione. Un pò fiscale in questo caso Rizzoli, poteva lasciar correre.

56' - Ci prova Klose di testa! Palla di poco a lato. 

54' - HIGUAIN IN DIAGONALE! Parte ancora una volta in contropiede il Pipita, in area prova il destro sul secondo palo, sfiorando la doppietta. Resta a terra David Lopez nel frattempo.

51' - Proteste Lazio! Keita rientra sul destro e cerca la palla dentro, trovando il doppio tocco di mano di Maggio e Albiol, troppo vicini al pallone però. Giusto lasciar correre, giudicando involontari gli interventi.

A tutti gli effetti un 4-4-2 quello della Lazio ora, con Biglia perno del centrocampo che arretra a protezione della difesa e imposta il gioco.

49' - Ci prova Mertens su punizione, ma ancora la barriera lo ferma, come già accaduto nel primo tempo.

L'azione era nata da una palla persa di Cavanda, che aveva tentato lo slalom!

47' - BERISHA SU HIGUAIN! Ripartenza veloce del Napoli, Higuain punta Cana e calcia sul palo lungo, trovando la risposta pronta del portiere albanese!

46' - Djordjevic cerca di controllare un pallone difficile, ma usa il braccio. Punizione Napoli.

13.33 - SI RICOMINCIA! Parte il secondo tempo.

Cambio confermato: entra in campo Miro Klose nella Lazio, gli lascia il posto Ledesma. Iperoffensiva ora la squadra di Pioli.

Si scalda Klose per la Lazio in quest'intervallo, potrebbe entrare in campo già all'inizio della ripresa.

Risultato alquanto bugiardo quello dell'Olimpico, con la Lazio che sicuramente non merita lo svantaggio. Gol del Napoli nato da una grande giocata di Mertens, e da un grande colpo di Higuain. Per il resto è stato un monologo dei padroni di casa, anche sfortunati in occasione della traversa colpita da Parolo. Grave invece l'errore di Cavanda, che tutto solo davanti a Rafael non è riuscito ad angolare una facile conclusione. 

Mertens ai microfoni Sky: "Sappiamo quanto sia difficile questa sfida. Dobbiamo essere tutti uniti e stringere i denti"

13.18 - Rizzoli fischia la fine del primo tempo. Napoli in vantaggio su un'ottima Lazio.

47'- Altro corner per i padroni di casa. Koulibaly giganteggia e recupera il pallone. 

46'- Palo di Candreva! Cana fa da sponda per Candreva che colpisce il palo. Ma era in fuorigioco il centrocampista biancoceleste.

45'- Strinic commette un fallo ingenuo su Candreva. Punizione da ottima posizione per la Lazio. Sono 2 i minuti di recupero. 

43'- Parolo entra in ritardo con il piede a martello su Maggio. Fallo da arancione, ma è giallo per il centrocampista della nazionale. Il terzino destro partenopeo resta a terra dolorante.

42'- Ci prova Strinic nel momento migliore dei biancocelesti. Il terzino croato arriva sul fondo rientra e calcia di destro, ma Berisha è attento e blocca con sicurezza.

41'- Continua a spingere sull'acceleratore la Lazio.

39'- Napoli in crisi. Candreva prova il cross, ma Albiol è attento in maracatura su Djordjevic.

37'- Cosa sbaglia Cavanda!!! Tutto solo in area tira praticamente in mano a Rafael. Ma che errore di Callejon, che si era completamente dimenticato del terzino sinistro biancoceleste.

35'- Mertens intercetta un pallone a centrocampo, ma non riesce a servire Higuain. Sempre in attesa il Napoli.

33'- Si è ripresa la Lazio, che chiude il Napoli nella propria metà campo. 

32'- Altro fallo su Keita. Questa volta è David Lopez a commetterlo, e viene anche ammonito da Rizzoli.

Bella traiettoria di Ledesma sulla quale si fionda Parolo, che anticipa tutti e prende la traversa!

31'- Taversa di Parolo!!!

30'- Keita supera nettamente Maggio che lo stende. Fallo non cattivo, ma poteva starci il giallo. 

28'- Occasione Lazio con Biglia! Bel tiro del centrocampista argentino che finisce di poco a lato.

Pioli non è affatto contento dei suoi, e cerca di motivare soprattutto Keita, troppo statico.

27'- Rafael rischia sulla pressione di Djordjevic e spedisce il pallone in fallo laterale. 

24'- Il Napoli adesso aspetta dietro la linea del pallone, concedendo spazio a centrocampo alla Lazio. I partenopei sembrano schierarsi con una sorta di 4-4-1-1.

Partono il solito coro "Vesuvio Lavali col Fuoco", udito anche per tutto il derby della capitale.

22'-  Fallo in attacco di David Lopez su Ledesma.

Diciamo che il vantaggio ospite è alquanto inaspettato, visto l'ottimo inzio biancoceleste. Ma la classe di Higuain ha fatto la differenza. 

20'- Berisha salva tutto in uscita su Mertens! Lazio in confusione dopo il gol del Napoli.

Callejon trova nello spazio Higuain, che finta il tiro, salta Radu e con un destro potentissimo batte Berisha, non esente da colpe.

18'-  El Pipitaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!! Che gollll!!!Gonzaloooo Higuainnnnnnnn!!

17'- Ci prova Mertens che colpisce la barriera. Resta stordito Djordjevic che di testa aveva fermato la conclusione dell'attaccante belga.

15'- Brutto pallone perso dalla Lazio in fase di costruzione, David Lopez recupera palla e viene fermato fallosamente da Ledesma, che si becca anche il cartellino giallo. 

14'- Poco Napoli e molta Lazio in questo inizio di partita. Il folto centrocampo biancoleste sta mettendo in difficoltà gli ospiti, che ancora non hanno trovato la quadratura del cerchio.

11'- Gargano cerca Maggio, che viene chiuso da Cavanda. Il terzino belga fa ripartire l'azione biancoceleste, che si conclude con un tiro velleitario di Candreva.

10'- Prova a farsi vedere in avanti il Napoli, ma Mertens è poco preciso nel servire Higuain.

9'- Ottima chiusura di Koulibaly su Candreva. Rimessa laterale per i biancocelesti.

7'- Basta subisce fallo da David Lopez. Candreva mette al centro, Djordjevic prova ad impattare il pallone, che carambola su Albiol e finisce in corner.

6'- Ottimo inizio della Lazio, che chiude i partenopei nella propria metà campo.

5'- Sugli sviluppi di un corner battuto da Ledesma, il Napoli prova la ripartenza, ma Radu è bravissimo a sventare la minaccia.

Fa molta difficoltà il Napoli nel far girare la palla in questo inizio di partita.

3'- Primo angolo della partita a favore della Lazio. Ledesma sbagia il cross, si riparte con il rilancio da fondo campo di Rafael.

Nel pre-partita si è ricordata la scomparsa di Re Cecconi, venuto a mancare 37 anni fa.

1'- I biancocelesti cercano subito Djordjevic in avanti, ma Koulibaly è attento e spazza.

Primo pallone giocato dalla Lazio!

12.31 - Si parte!! Rizzoli fischia l'inizio del match!! Che sia spettacolo!

12.30 - Tutto pronto allo Stadio Olimpico. Le squadre si schierano in campo e si aspetta solo il fischio di Rizzoli.

12.28 - Lazio e Napoli fanno il loro ingresso in campo sulle note dell'inno biancoceleste.

12.26 - Squadre pronte nel sottopassaggio agli ordini del signor Rizzoli. Dopo le polemiche inevitabili del post Napoli-Juve, il designatore ha pensato bene di scegliere il miglior arbitro in circolazione, vista l'importanza della partita.

12.23 - La Curva Nord dello stadio Olimpico resterà chiusa (ingresso riservato solo ai pochi abbonati) dopo la squalifica inferta dal giudice sportivo e per gli altri settori la prevendita è stata fiacca (7mila i biglietti venduti, cui vanno aggiunti i circa 17 mila abbonati, la gran parte dei quali sono però tessere cucciolone). Uno scenario di non oltre 30mila spettatori. Davvero poco se si pensa all'importanza del match.

12.20 - Nell'immediato pre-partita hanno parlato Rafael, portiere azzurro, e Candreva. Ecco le loro parole:

Rafael: "Sappiamo che sarà una gara difficile, siamo molto concentrati per portare i tre punti a casa. Non è decisiva però perchè è ancora lunga, ma siamo venuti per giocare come se fosse una gara decisiva. Polemiche Juventus? Il discorso è passato, abbiamo già detto tutto ciò che dovevamo dire e siamo tranquilli e concentrati".

Candreva:  "È un'occasione da sfruttare questa di oggi, la partita è importantissima. Vogliamo rimanere terzi per concludere un ottimo girone di andata. Siamo un bel gruppo, ci sentiamo tutti titolari, e vogliamo fare bene. Il Napoli è forte, la Lazio non è da meno. Speriamo sia una bella partita, perché vogliamo dimostrare il nostro valore anche in campionato, dopo il match di Coppa Italia". Infine un pensiero sui tifosi: "Felice di vederli comunque allo stadio, nonostante le restizione, ma altrettanto dispiaciuto per la chiusura della Curva. Sono importanti per noi, vogliamo vincere anche per loro".

12.15 - Mancano 15 minuti all'inizio del match, e l'Olimpico va pian piano riempendosi.

12.10 - La sfida nella sfida: Higuain - Djordjevic.

Entrambi i centravanti sono nati a distanza di 74 giorni a quasi 2000 km l’uno dall’altro: il primo a Belgrado (ex Jugoslavia), il secondo a Brest (Francia) anche se l’origine della famiglia è argentina. Due attaccanti di razza: forti fisicamente e dotati di una grande coordinazione al tiro. Djordjevic è un uomo d’area di rigore, bravo a coprire palla e a fare da sponda. Higuain predilige la velocità e il gioco a terra ed è dotato di maggiore tecnica di base. Hanno avuto due carriere completamente diverse ma oggi sono a lottare per lo stesso obiettivo: il terzo posto nel Campionato italiano.

Djordjevic è cresciuto calcisticamente nella Stella Rossa di Belgrado. Arriva al Nantes nel 2008 quando la squadra militava in questo campionato. Il primo goal “francese” lo segnò al Brest, la squadra della città dove è nato Higuain. Sarà il primo di una lunga serie: 198 presenze e 69 goal con i gialloverdi, ma solo in 2 di queste stagioni il club francese ha militato in Ligue 1. Lo scorso anno grazie ai suoi goal (10 in campionato) si è fatto notare da Tare che lo ha portato alla Lazio: primo vero palcoscenico per il bomber serbo. Higuain è stato precoce e già a 17 anni ha esordito nel River Plate. In due anni ha dimostrato grandi doti e un talento puro che hanno fatto scomodare addirittura il Real Madrid per ingaggiarlo. In totale con la camiseta blanca ha disputato 264 partie segnando 121 reti (tra campionato e coppe). Dall’anno scorso è al Napoli: nella prima stagione ha giocato 32 partite e realizzato 17 reti in Serie A,  5 partite e 4 goal in Champons League, 4 presenze e 1 goal  inEuropa League, 5 gettoni e 2 reti in Coppa Italia. In Italia ha già vinto Coppa Italia e Supercoppa italiana.

Il lunch match della mezza rappresenta il big-match dell'ultima giornata del girone d'andata. All'Olimpico di Roma va in scena la sfida che, anche se è presto per definire tale, può valere una fetta di terzo posto: Lazio - Napoli. La squadra di Pioli è reduce dal pareggio nel derby che gli ha permesso di conquistare un punto di vantaggio sul Napoli, che insegue al gradino sottstante ed è quasi costretta a fare risultato. 

La vigilia della gara è stata alquanto turbolenta in entrambe i ritiri: da una parte, a Formello, la costante della settimana è stata l'emergenza continua con la quale Pioli ha dovuto fare i conti; dall'altra, più a sud, a Castel Volturno, le acque sono state mosse dalle parole del procuratore di Higuain e dal futuro sempre più incerto di Rafa Benitez. Qualsiasi sarà il risultato, i giochi per il terzo posto resteranno apertissimi, con un intero girone tutto da giocare, ma è chiaro che il match rappresenta uno scontro diretto tra due squadre in lotta per il terzo posto Champions. 

LAZIO - Pioli deve fare a meno di Marchetti squalificato, di Anderson, Mauri e De Vrij infortunati ed è costretto a tornare al vecchio 4-3-3 accantonato nelle ultime gare per far posto ad un più propositivo 4-2-3-1. Al centro della difesa dovrebbero esserci Cana e Radu con Basta a destra e Cavanda a sinistra. A centrocampo Parolo, Biglia ed Onazi (in ballottaggio ma pur sempre in vantaggio sul giovane Cataldi), mentre in attacco Candreva e Keita agiranno larghi in supporto a Djordjevic, favorito su Klose impiegato in Coppa Italia. 

LAZIO (4-3-3): Berisha; Basta, Cana, Radu, Cavanda; Parolo, Biglia, Onazi; Candreva, Djordjevic, Keita. All. Pioli

Ecco le parole di Pioli sull'avversario di domani, il Napoli di Rafa Benitez: "E' una partita che vale tanto, è uno scontro diretto e noi ci arriviamo davvero bene. Il Napoli ha tanta qualità, ma noi siamo terzi quindi vuol dire che ce l'abbiamo anche noi. Entrambi cercheremo di essere aggressivi e propositivi, avrà la meglio chi giocherà dal punto di vista tecnico la gara migliore. Domani entreremo in campo per vincere, come sempre. Sarà una grandissima occasione, saremo competitivi e sono convinto che avremo la giusta mentalità. Sarebbe bello avere tutti disponibili dalla prossima giornata. Mauri e De Vrij domani non ci saranno, ma saremo competitivi comunque. Per quanto riguarda Keita, sono arrivate risposte importanti, sia da lui e che dagli altri giocatori impegnati a Torino. E' bravo, ha talento ma può e deve migliorare ancora. Si deve muovere con e per la squadra. La società tramite il presidente ha detto di essere attenta agli sviluppi di mercato, quindi lascio che ne parlino loro. I ragazzi della Primavera sono bravi in prospettiva, ma io ho bisogno di giocatori pronti".

NAPOLI - L'unica assenza di nota sarà lo squalificato Britos che, assieme alla partenza di Ghoulam per la coppa d'Africa,  costringerà Rafa Benitez a lanciare Strinic sull'out mancino. Il croato s'è allenato anche nel giorno di riposo della squadra, e dovrebbe esordire al posto di Mesto, con Maggio a destra ed i soliti Koulibaly ed Albiol al centro. In mezzo al campo Gargano e Lopez, con Jorginho che però scalpita alle sue spalle. In attacco Callejon, Hamsik e Mertens dovrebbero supportare Higuain con Gabbiadini da sfruttare a gara in corso.

NAPOLI (4-2-3-1): Rafael; Maggio, Koulibaly, Albiol, Strinic; Gargano, Lopez; Callejon, Hamsik, Mertens; Higuain. All. Benitez

Rafa Benitez, invece, oltre ad analizzare la sfida con la Lazio ed il mercato, ha lanciato anche una frecciatina alla Juventus: "Meritavamo sicuramente di più contro i bianconeri, ma ora siamo concentrati sulla Lazio. E' una gara importante, ma non definitiva perchè ne mancheranno altre 19". Poi una domanda sull'arbitraggio: "Noi abbiamo parlato sempre con massimo rispetto. A volte sembra che si cada tutti dalle nuvole. Oggi basta cercare su internet alcune parole chiave come: "Buffon Parma arbitri" o  "Allegri arbitri Muntari", o quella che io prefesico "Marotta Sampdoria, Lazio, Parma arbitri", ma adesso stanno tutti zitti, e noi non siamo nati ieri..... Ma ci può stare...". Sul mercato risponde così: "Oggi nessuno parte. Abbiamo fatto tre partite con Lopez e Gargano trovando equilibri, poi abbiamo persa una e si parla di Jorginho per avere più palleggio ecc. C'è competizione tra loro, Inler e Jorgihno sono di massimo livello, hanno fatto bene l'anno scorso come gli altri e deve esserci concorrenza tra loro. Meglio avere questi problemi che scegliere non avendo altre possibilità. Chi non sta giocando deve lavorare perchè ora si torna a giocare due volte a settimana". Infine sulla Lazio: "E' una squadra in fiducia, giocano in casa ed inizieranno la gara con intensità. Loro sono forti fisicamente, ma hanno anche velocità. Anche Sampdoria, Genoa, Fiorentina, Milan ed Inter lavoreranno tantissimo e si vedrà chi arriverà. Noi dobbiamo dimostrare di essere all'altezza domani, ma comunque mancherano tante partite. Loro sono molto forti sulle seconde palle col centrocampo e poi abbiamo attaccanti come Candreva che vanno al cross per le mezze ali e fanno la differenza in questo".

I PRECEDENTI TRA LE DUE SQUADRE

72 i precedenti tra le due squadre (62 in campionato e 10 in Coppa Italia): 31 vittorie della Lazio a fronte di 24 pareggi e 17 vittorie del Napoli. In notevole vantaggio i laziali anche nel conto dei gol fatti in queste sfide: 99 gol della Lazio contro i soli 69 gol del Napoli. L’ultima vittoria della Lazio risale al 7 aprile 2012, quando con i gol di Candreva, Mauri in rovesciata e  Ledesma, i laziali superarono i partenopei nonostante il gol del pari di Pandev. L’ultimo pareggio è del 9 febbraio 2013: 1-1 con gol di Floccari e Campagnaro. Più recente l'ultimo successo esterno, datato 2 dicembre 2013, nello scorso campionato: 4-2 finale con i gol di Higuain(2), Pandev e Callejon nel finale; di Keita ed un autorete di Behrami i gol per la squadra di casa. 

Dopo le polemiche del weekend scorso, soprattutto sollevate dal Napoli e dal presidente azzurro De Laurentiis, l'arbitro designato sarà Nicola Rizzoli di Bologna. 43 anni, è alla quattordicesima stagione nella Can di A e B. Rizzoli, oltre ad aver arbitrato quasi tutti i big match di Serie A, ha avuto quest'anno l'onore di fischiare alla finale del Mondiale in Brasile. Speriamo si possa parlare solo di calcio giocato. 

Share on Facebook