Ag. Sarri: "Il Napoli è sfortunato. Le scelte di Sarri? C'è il silenzio stampa"

Il procuratore di Maurizio Sarri commenta l'ultima gara degli azzurri a Roma contro i giallorossi.

Ag. Sarri: "Il Napoli è sfortunato. Le scelte di Sarri? C'è il silenzio stampa"
Maurizio Sarri, corrieredellosport.it

Il Napoli è in silenzio stampa e quindi nè Sarri nè nessuno della società ha potuto commentare la gara di ieri contro la Roma di Spalletti, con il gol di Nainggolan nel finale che ha complicato la corsa al secondo posto e all'accesso diretto alla prossima Champions League.

Ai microfoni di Radio Crc Alessandro Pellegrini, procuratore dell'allenatore del Napoli, parla così della gara di ieri pomeriggio: "Ad ogni occasione mancata dal Napoli, Spalletti si faceva il segno della croce, ma io non butto via nulla se non quei dieci secondi di movimenti sbagliati in area di rigore. Il Napoli è in credito con la sfortuna, non possiamo nemmeno pensare che squadre come la Juve e o la Roma non debbano nemmeno tirare in porta. Allora mi richiamo alla buona sorte: ogni tiro che subiamo finisce dentro. E non voglio tirare in ballo la malafede degli arbitri: ieri la terna è stata perfetta. Però è anche vero che nel dubbio non si sbandiera un fuorigioco, se l’assistente l’ha fatto significa che ne era certo e allora bisogna fargli i complimenti. La Juve è più forte dal punto di vista mentale, è abituata a lottare per grandi obiettivi."

Alcune scelte di Sarri, poi, sono sembrate curiose, ma a causa del silenzio stampa non possono essere spiegate: "La sostituzione di Lopez per Allan potrebbe essere stata una scelta tattica, ma c’è il silenzio stampa e lui non può spiegarlo. Lui è un dipendente e deve seguire ciò che impone il club. Poi è chiaro che quel tiro alla Roma non doveva essere concesso, in ogni caso. Il Napoli sta iniziando ora un percorso di avvicinamento che l’ha portato già a lottare per un periodo con i bianconeri. In questo momento c’è solo rammarico per una partita che si poteva vincere e che invece è stata persa. Reazione? Dopo la partita con la Juventus la squadra ha reagito, anche ieri a Roma ha giocato con temperamento."