Napoli, tentazione Pavoletti

Il Napoli cerca il colpo in attacco. Dopo l'offensiva dell'Everton nei confronti di Gabbiadini, con un'offerta oltre i 25 milioni, il Napoli si muove alla ricerca del sostituto. La società azzurra ci prova per Pavoletti, difficile la buona riuscita dell'affare.

Napoli, tentazione Pavoletti
Napoli, tentazione Pavoletti

Il Napoli ha rotto gli indugi quando ormai mancano meno di 48 ore alla fine del mercato. Infatti Giuntoli e De Laurentiis, dopo aver ricevuto l'offerta dell'Everton per Gabbiadini di oltre 25 milioni, hanno deciso di muoversi per trovare immediatamente un sostituto. Il giocatore sul quale sta lavorando la dirigenza azzurra è Leonardo Pavoletti, centravanti del Genoa. La trattativa si presenta fin da subito molto complicata, in quanto la società rossoblu non ha alcuna intenzione di cedere il giocatore. Le dichiarazioni del presidente Preziosi, rilasciate ieri a Gazzamercato.it, sono molto chiare :"Mi ha chiamato Aurelio De Laurentiis offrendo 15 milioni più bonus per il mio centravanti. Non lo venderei nemmeno a 25. Ma io gli ho detto chiaramente che a due giorni dalla chiusura del mercato non se ne parla nemmeno. Non posso rischiare di retrocedere vendendo Pavoletti a così poco dalla fine della sessione di mercato: è impossibile ora trovare un sostituto all'altezza. Leonardo è contento di restare da noi e ciò rafforza la mia scelta di tenerlo. Sapendo anche che darà il massimo per questa maglia". Quindi chiusura netta da parte del patron del Genoa ed in questo modo si alzano sempre di più le possibilità di permanenza di Gabbiadini, che certamente non farà la riserva a Milik, ma, come ha più volte dichiarato mister Sarri, si giocherà il posto partita dopo partita con il centravanti polacco.

Il Napoli aspetta buone notizie dall'affare Maksimovic che ieri ha subito un rallentamento, dovuto alle parole dell'agente di Valdifiori alla trasmissione "Si Gonfia la Rete" su Radio CRC: "Non credo che il Napoli prenderà Maksimovic per cui Valdifiori non andrà al Torino. Il Toro sta chiedendo 30 milioni per il calciatore e De Laurentiis, sapendo che Maksimovic non ha offerte da altre squadre, conduce il gioco e cerca di tirare sul prezzo mentre l'altra parte non ne farà una questione di principio. Anche Valdifiori non è una trattativa facile da affrontare perchè ci sono dei parametri economici e magari il Torino non ci rientra. L'operazione Maksimovic e Valdifiori non è facile, ma non credo che le situazioni siano legate. Se il Toro vuole Valdifiori lo dovrà dimostrare come sta facendo il Napoli per Maksimovic. Non mi faccio ingannare dalla stagione passata, Valdifiori è un giocatore importante. Sarri ha sempre detto a Mirko che deve restare e lo pensa anche per Gabbiadini". Sugli altri suoi assistiti:"Sepe resta a Napoli al 90%. Mi risulta che verrà inserito nella lista Champions come secondo portiere. Magari non è detto che non si possa aprire la pista Sepe al Torino, ma il mio pensiero è che non si farà più nulla per cui il Napoli non prenderà un altro attaccante, ma resterà con Gabbiadini perchè i tempi sono ristretti. L'accordo col Napoli per il rinnovo di Hysaj lo abbiamo trovato, la questione è chiusa, ma è chiaro che adesso il Napoli ha altre priorità. Poi, dal primo settembre si occuperà dei rinnovi e dopo la sosta delle nazionali si potrà firmare". Chiusura su Valdifiori: "L'operazione Diawara ci interessa poco perchè poi è sempre il campo a decidere, avere tre giocatori nello stesso ruolo non è una bella cosa. Mirko è in una condizione psicologica e fisica ideale per cui non deve temere nulla".

A proposito di quest'ultimo punto toccato dall'agente di Valdifiori, anche il presidente De Laurentiis ha detto la sua in merito, nel tweet di benvenuto a Marko Rog:"Un acquisto che arrichisce un centrocampo ora tra i più completi possibili, che darà alla sapiente mano di Sarri la possibilità di utilizzare più moduli, passando da un centrocampo a 3 a un centrocampo a 2 a seconda delle squadre in Italia ed in Europa". Parole che sono suonate strane, in quanto dette dal presidente e non dall'allenatore. Rog comunque si presenta come un trequartista adattato al ruolo di regista, per questo Sarri può tranquillamente utilizzarlo nel classico 4-3-3 come sostituto di Jorginho o Valdifiori. In questo senso Diawara verrà spostato nel ruolo di mezz'ala, quindi andrà a fare l'alternativa ad Allan, mentre Zielinski manterrà il suo status di "alter ego" di Hamsik, con Giaccherini che invece si giocherà il posto con Callejon come ala destra. In sintesi dunque, il Napoli ha notevolmente rinforzato il centrocampo rispetto alla passata stagione, arricchendo con prestigiosi ricambi la rosa. Starà a Sarri decidere di volta in volta i giocatori più opportuni da utilizzare.

Il Napoli però non si muove solo in entrata, infatti è notizia di ieri il trasferimento di Dumitru al Nottingham Forest. Giuntoli cerca anche una sistemazione a Roberto Insigne, oltre che a Grassi, in procinto di trasferirsi in prestito al Pescara, El Kaddouri, sul quale c'è sempre l'Atalanta, e Radosevic. Bloccata invece la cessione di Lasicki che per ora rimarrà a fare il quarto difensore dietro Albiol, Koulibaly e Chiriches. Sul rumeno, l'interessamento della Samp, destinato però a rimanere tale. Il Napoli non ha alcuna intenzione di cedere il giocatore, considerando anche le difficoltà per Maksimovic e il basso numero di calciatori che compongono il reparto difensivo. 

SSC Napoli