Il Napoli va a Torino aspettando il posticipo

Gli azzurri, alle ore 15, saranno di scena in casa dei granata, per mettere nuovamente il naso avanti nella lotta al secondo posto e dare un senso al posticipo serale tra Roma e Juventus

Il Napoli va a Torino aspettando il posticipo
Il Napoli va a Torino aspettando il posticipo

Si è parlato troppo di Roma- Juventus, o forse troppo poco di Torino- Napoli. La sfida del "Grande Torino" è, però, altrettanto importante, se non ancor più delicata, considerando che un eventuale passo falso degli azzurri spianerebbe la strada ai ragazzi di Spalletti, ancor prima di giocare il match con i bianconeri.

Qui Napoli- Proprio la voglia di scavalcare i giallorossi, almeno temporaneamente, per potersi godere la sfida serale con la coscienza in pace, spingerà Sarri a confermare la formazione tipo. Rispetto alla sfida con il Cagliari tornerà a disposizione Kalidou Koulibaly, che ha scontato la squalifica, e, probabilmente, di fianco all'inamovibile capitan Hamsik, si vedrà il centrocampo da trasferta, con Allan al fianco di Jorginho, per garantire una maggiore gestione del pallone contro la mediana granata, dotata di buona tecnica e grande gamba.

In attacco, senza alcun dubbio, il tridente dei piccoli: Mertens sfida il Gallo Belotti per la conquista dello scettro dei capocannonieri, sperando nelle invenzioni delle due ali azzurre, Insigne e Callejon.

Le insidie granata- Il Torino, privo di Acquah, espulso da Valeri nel derby della Mole, è squadra da prendere con le pinze. Oltre a Belotti, a secco nelle ultime 3 uscite e, dunque, voglioso di tornare ad esultare, la statistica che più dovrà temere il Napoli è quella relativa alle palle inattive. La squadra di Mihajlovic è, infatti, la più prolifica su calcio da fermo in tutta la nostra Serie A, avendo realizzato la bellezza di 18 gol: situazione che gli azzurri, considerando la poca stazza fisica e le propensioni mostrate lungo tutto il corso della stagione potrebbero soffrire, e non poco.

Da non sottovalutare, poi, l'orgoglio granata. All'andata, in Campania, la sfida finì con un pirotecnico 5-3 e lo show del belga Mertens: gli uomini in maglia granata, anche alla luce della cocente delusione subita contro i cugini bianconeri, imporranno un gioco fisico che potrebbe mettere in difficoltà gli uomini di Sarri.

Le Formazioni-

Torino (4-2-3-1) - Hart, Zappacosta, Rossettini, Carlao, Molinaro; Benassi, Obi; Iago Falque, Ljajic, Boye; Belotti. All.: Attilio Lombardo (Sinisa Mihajlovic squalificato).

Napoli (4-3-3) - Reina, Hysaj, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Allan, Jorginho, Hamsik; Callejon, Insigne, Mertens. All.: Maurizio Sarri.

SSC Napoli