Champions League - E' il giorno del Napoli, contro il Nizza vietato fallire

La squadra di Sarri, alla prima stagionale davanti al pubblico di casa, si gioca una buona fetta di qualificazione alla fase a gironi della Champions League. Confermato l'undici titolare per Sarri, con Mertens centravanti. Favre con l'idea Mahou, positivo nell'ingresso di venerdì contro il Troyes.

Champions League - E' il giorno del Napoli, contro il Nizza vietato fallire
Champions League - E' il giorno del Napoli, contro il Nizza vietato fallire

E' la notte del Napoli al San Paolo. La squadra di Maurizio Sarri, alla prima stagionale, è già paradossalmente davanti ad un primo bivio stagionale, lo spauracchio chiamato preliminare. Contro il Nizza, infatti, è vietato sbagliare per i partenopei, che si giocano l'accesso alla fase a gironi della Champions League contro una squadra che, al contrario degli azzurri, ha già disputato quattro gare ufficiali. Tuttavia, Hamsik e compagni non possono e non devono assolutamente aggrapparsi ad alcune attenuanti, anzi, devono reggersi sulle proprie certezze, tecniche e tattiche, e non solo. Conterà, eccome, l'esperienza in gare internazionali, che vede i campani ampiamente avanti nel percorso di formazione professionale rispetto ai francesi, gran parte dei quali al primo ballo davanti all'inno della Champions League. Conterà, eccome, l'apporto dei 50.000 e più del catino di Fuorigrotta, il cui boato ha fatto tremare le gambe al Real Madrid e, stasera, dovrà irretire i giocatori del Nizza.

Questo e tanto, tantissimo altro, nell'esordio del Napoli, con Maurizio Sarri che, inevitabilmente, ha messo in guardia alla vigilia della sfida i suoi ed il pubblico tutto, conscio delle difficoltà oggettive che può portare la sfida contro il Nizza. Come detto più volte nei giorni scorsi, però, la squadra di Favre non sembra aver trovato alchimie ed equilibri dei giorni migliori e, le assenze per infortunio e non solo di Balotelli, Cyprien e del neo arrivato Sneijder condizionano e non poco la qualità dei transalpini. 

Le chiavi tattiche della sfida

Sarà chiaramente il Napoli a fare la gara, fin dal principio. Tuttavia, ciò a cui i partenopei dovranno necessariamente far molta attenzione, è la velocità in ripartenza di Plea e soprattutto Saint-Maximin, funambolo che ama partire dalla sinistra - zona di copertura di Hysaj - per creare superiorità sull'esterno e creare potenziali occasioni da rete per i compagni o per sé stesso. In fase di ripartenza i francesi si affidano praticamente sempre alle geometrie di Seri, vero ed unico faro di una squadra che da metà campo in su risente delle assenze di giocatori di talento e di intelligenza tattica superiore come Cyprien, Sneijder e Mario Balotelli. Assenze che compromettono, in parte, il gioco palla a terra di Favre, anche se i suoi dettami sono principalmente sempre gli stessi: palla a terra e verticalizzazioni ficcanti per i trequartisti, spesso centralmente, prima di azionare la velocità sugli esterni ma non solo del terzetto offensivo. 

Di contro, ciò che il Napoli dovrà necessariamente fare per scardinare la non irresistibile difesa dei nizzardi sarà fare allargare le maglie difensive dei quattro difensori, tutt'altro che impeccabili dal punto di vista di movimenti e sinergie. La sensazione, dalle gare fin qui giocate dal Nizza, è che alle spalle dei due mediani - Koziello e Seri - la difesa vada praticamente sempre in difficoltà, soprattutto se attaccata con tempi perfetti e sovrapposizioni sistematiche sugli esterni, alle quali dovranno aggiungersi gli inserimenti negli spazi delle mezzali al centro. Insomma, il Napoli dovrà fare il Napoli. 

Le ultime dai campi

Solito schema per Maurizio Sarri, che non ha molti dubbi di formazione. Come ampiamente preventivato dopo la sfida all'Espanyol, saranno i soliti undici a scendere in campo dall'inizio della gara: Reina tra i pali, Hysaj e Ghoulam sulle corsie laterali in difesa ai lati di Albiol e Koulibaly; Allan, favorito su Zielinski, con Jorginho ed Hamsik in mediana, mentre con Insigne e Callejon ci sarà Mertens da centravanti, con Milik pronto a subentrare a gara in corso. 

Stesso discorso per Favre, che ha tuttavia un paio di dubbi in vista dell'inizio della gara. Jallet, con la sua esperienza, potrebbe rilevare uno tra Sarr e Souquet, che tuttavia sembrano favoriti per una maglia da titolare ai lati di Dante e Le Marchand. In porta Cardinale. Koziello e Seri la cerniera di centrocampo, Lees-Melou e Saint-Maximin ai fianchi di uno tra Mahou, apparso molto pimpante contro il Troyes dopo essere subentrato, e Srarfi. Davanti a tutti Plea, nel ruolo di centravanti. 

Le probabili formazioni 

Napoli (4-3-3): Reina; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Allan, Jorginho, Hamsik; Callejon, Mertens, Insigne. All. Sarri

Nizza (4-2-3-1): Cardinale; Souquet, Dante, Le Marchand, Sarr; Koziello, Seri; Lees-Melou, Mahou, Saint-Maximin; Plea. All. Favre

Arbitra il signor Szymon Marciniak (Polonia).