Palermo, l'esame più duro

I rosanero sono attesi dalla Juventus nell'anticipo della 25^ giornata di Serie A. Match in programma domani sera (20:45), per permettere ai bianconeri di preparare al meglio la sfida Champions di Oporto.

Palermo, l'esame più duro
Nestorovski e Diamanti potrebbero guidare in tandem l'attacco rosanero allo Juventus Stadium

Il Palermo continua il percorso d'avvicinamento alla sfida dello Juventus Stadium, in casa dei campioni d'Italia. La settimana di lavoro al "Tenente Boccadifalco" è filata via liscia, tra esercitazioni tattiche e tecniche. Rosanero feriti dall'1-3 interno subito ad opera dell'Atalanta, una sfida in cui hanno denotato tutti i limiti strutturali dell'attuale rosa di Diego Lopez.

Il tecnico uruguaiano, in vista della gara di domani sera in casa della Juventus, dovrà rinunciare al terzino sinistro Giuseppe Pezzella, che ha evidenziato una lesione di secondo grado del retto femorale della gamba sinistra, procurato proprio nel finale del match perso contro gli orobici. I candidati ad assumere la titolarità sull'out mancino sono due: il norvegese Haitam Aleesami e lo svizzero Michel Morganella. Il primo è favorito, il quale dopo un positivo inizio di stagione, è stato utilizzato con il contagocce nelle ultime settimane causa una condizione fisica parecchio precaria.

Il Palermo potrebbe presentarsi al cospetto dei bianconeri in una versione più abbottonata rispetto al consueto 4-3-3 utilizzato dai rosanero nelle precedenti giornate di campionato. Il trainer Lopez sta pensando di abbandonare il tridente, per schierare i suoi con un più prudente 3-5-1-1, lasciando il solo Nestorovski come punta di riferimento, supportato da uno tra Diamanti, Sallai o Trajkovski. Reclama spazio Gazzi a centrocampo, mentre in difesa confermata la coppia centrale Goldaniga-Gonzalez.

In vista del proibitivo impegno contro la Juventus, a suonare la carica ci ha pensato il centrocampista brasiliano Bruno Henrique, il quale ai microfoni del sito ufficiale rosanero ha dichiarato: "Una gara importante e affascinante: la Juventus è un club che sta lavorando molto bene. Un risultato positivo ci aiuterebbe a risollevare il morale. Quella con l'Atalanta era una partita molto delicata, volevamo fare un buon risultato, ma non ci siamo riusciti e neppure la prestazione è stata ottimale. Dobbiamo lavorare sodo per correggere gli errori, solo così possiamo sperare di raddrizzare la classifica e cercare di ottenere la salvezza, che è il nostro obiettivo".

Oltre al terzino sinistro Pezzella, salteranno la sfida, poichè alle prese con guai fisici, Andrea Fulignati, Simone Lo Faso, Slobodan Rajkovic e Stefan Silva.

Palermo