Palermo, Baccaglini spiega: "Entro giugno presentermo il progetto per il nuovo stadio"

Paul Baccaglini parla dei suoi progetti per il Palermo nel corso di un'intervista a Radio Deejay

Palermo, Baccaglini spiega: "Entro giugno presentermo il progetto per il nuovo stadio"
Paul Baccaglini, ilpost.it

I primi giorni a Palermo del nuovo presidente della società rosanera Paul Baccaglini sono stati ricchi di appuntamenti e iniziative per iniziare a prendere contatto con la realtà siciliana. Il nuovo presidente del club, però, ha già in mente progetti ben precisi per la società e in un'intervista a Radio Deejay racconta di come nella sua testa ci siano già delle scadenze ben precise ad esempio per quanto riguarda il progetto di un nuovo stadio per il Palermo. 

I tempi potrebbero essere davvero brevi per la presentazione del progetto come spiega Baccaglini: "“Palermo è una città che sto conoscendo in questi giorni, mi ha già dato conferme di quello che pensavo. La città è meravigliosa, ha un entusiasmo pazzesco e ama la squadra anche se la classifica è difficile. Le istituzioni sono pronte ad accettare il cambiamento, entro giugno presenteremo il progetto dello stadio nuovo. C’è disponibilità dei tifosi, dei cittadini e delle istituzioni, vogliamo che Palermo diventi un brand internazionale. Vogliamo fare lo stadio ma bisogna conquistare anche i risultati sul campo, perché parliamo sempre di calcio. C’è un meccanismo psicologico che si può prendere da lontano, in America sono bravi a scollegare il marchio dai risultati sportivi. I New York Yankees sono fighi se vincono o meno. Palermo è una bella città, la nostra può essere una operazione importante per far vedere che c’è qualcosa di più e non solo il calcio."

Baccaglini poi racconta del primo contatto avuto con la squadra e della sua impressione su Diego Lopez, chiamato ad un compito veramente complicato sulla panchina del Palermo in questa stagione: "I calciatori mi hanno accolto bene, anche se il rispetto e la stima si acquistano sul campo. Ho visto in loro, dopo uno shock iniziale, una grande carica (ride, ndr). Diego Lopez? Io parlo portoghese, lui spagnolo. Tra noi parliamo una lingua incomprensibile (ride, ndr). Lopez ha due palle gigantesche, è una persona molto preparata." Insomma entusiasmo, idee e voglia di fare non sembrano mancare al nuovo numero uno del Palermo che nei giorni scorsi ha anche rassicurato la piazza di fronte ad una possibile retrocessione al termine del campionato. E' già pronto un piano ben preciso anche se si dovesse verificare questa circostanza.


Share on Facebook