Oddo in vista della Juventus: "Non abbiamo nulla da perdere"

Il tecnico del Pescara ha parlato in conferenza stampa in vista del match contro la Juve.

Oddo in vista della Juventus: "Non abbiamo nulla da perdere"
Oddo in vista della Juventus: "Non abbiamo nulla da perdere" (Fonte foto: sito ufficiale Pescara Calcio)

Domani sera il Pescara scenderà in campo allo Juventus Stadium per affrontare la prima della classe. Un match probitivo per i biancazzurri visto il divario tecnico ma soprattutto le assenze di pedine importanti quali Verre e Bahebeck. Oddo però non fa drammi e, in conferenza, si dice fiducioso per quanto riguarda il match contro la Juve sia dal punto di vista del gioco ed anche per quanto riguarda la possibilità di fare risultato dicendo che "Nel calcio non si sa mai". Ecco le sue parole. 

"In queste due settimane abbiamo lavorato tanto, sia con la dife a 4 sia con quella a 3", dichiara il tecnico riguardo l'aspetto tattico. Poi, la conta degli infortunati: "Abbiamo tante assenze pesanti e non è il momento di fare esperimenti. Manaj? Sta bene, valuterò se schierarlo anche in base a come giocherà la Juve. Percentuale di impiego? Il 33%. Bahebeck? Abbiamo bisogno di gente che sta bene a Torino contro una delle squadre più forti d’Europa. Il francese ha sempre qualche problemino, è sulla via del recupero quasi completo. Verre ha giocato con l”Empoli non al meglio,  il problema che ha lo limita molto. Zuparic si è sempre allenato bene, ho piena fiducia e domani giocherà. Brugman? È imprescindibile per noi e  ha fatto passi da gigante. Caprari gioca sicuro. Vitturini? Non è una partita per lui. Abbiamo poco da perdere, dobbiamo giocare il più possibile spensierati. Vado a Torino per giocarmi le mie carte e lo faccio con chi sta bene e può dare tutto".

L'analisi dell'avversario è breve e semplice, così come la richiesta ai suoi: "Tutte le squadre hanno punti deboli, squadre perfette non ci sono. Qualche piccolo spiraglio di mettere in difficoltà la Juve c’è. La nostra filosofia non deve cambiare, la nostra identità è quella di essere propositivi. Anche se hai di fronte la Juve, ma dovremo essere compatti e corti. La mia squadra risponde a ciò che chiedo al 110%, nemmeno al 100%. Quello che ho ben chiaro in testa sono i nostri problemi più grandi, cioè l’aggressività in avanti in fase di possesso. Abbiamo lavorato tanto su capacità e convinzione. E dobbiamo difendere meglio di reparto. Non bisogna mai dare nulla per scontato, nemmeno a grandi livelli". Poi, in chiusura: "Ad Allegri solo complimenti, è uno dei migliori allenatori in assoluto. Mercato? Valuteremo… Bovo? È un giocatore che abbiamo già seguito…".