Roma, l'ultima in casa per sperare ancora nel secondo posto

Lo scorso anno la Roma vincendo il derby nella penultima in campionato blindava il secondo posto. Quest'anno in due gare servono 6 punti e un ko del Napoli. Difficile, non impossibile. Ad iniziare dal Chievo (12.30), un Olimpico strapieno proverà a fare la differenza.

Roma, l'ultima in casa per sperare ancora nel secondo posto
una foto dell'andata, terminata 3-3 al Bentegodi.

90' di passione giallorossa, urla, cori. Forse, dopo troppo tempo. L'Olimpico torna a ruggire per Roma-Chievo, ultima gara casalinga della stagione per la Roma di Spalletti, che prese i suoi poco dopo Chievo-Roma, la gara di andata. Una sfida importante per più fattori, quella di oggi (12.30).

Il Messaggero scrive che all'Olimpico, per Roma-Chievo, è prevista la bellezza di 55mila tifosi, il che non si verificava dalla gara con la Juventus del 30 agosto. Circa 30mila biglietti venduti e 24mila abbonati con la Curva Sud che, in parte, tornerà allo stadio. Non ci sarà sold out salvo impennate di vendite dell’ultima ora, ma sono in via d’esaurimento i Distinti Nord Ovest e resta disponibile la Tribuna Monte Mario. Primo fattore.

Altro dato: la lotta al secondo posto. Napoli sempre a +2, con l'insidiosa trasferta di Torino, dove Belotti sta meravigliando e provocando Conte in vista di Euro 2016. Alla 38esima Roma a Milano col Milan e Napoli al S.Paolo col Frosinone già disperato. Insomma, un impresa da sfruttare in questo turno, senza fare calcoli.

I numeri del match

Roma e Chievo Verona si affronteranno per la ventottesima volta nella loro storia. Gli incroci precedenti - sia quelli assoluti che quelli in casa dei giallorossi -vertono a senso unico in favore dei padroni di casa: 13 vittorie totali per la Roma, di cui 8 all'Olimpico, e soltanto 3 per il Chievo, di cui appena due in trasferta. L'ultimo confronto tra le due squadre risale al 6 gennaio scorso e si è concluso sul 3-3; il primo della storia è tutto sommato recente, nel 2001, quando i campioni d'Italia di Fabio Capello bastonarono per 3-0 la favola di Delneri.
Questo risultato offrono spunto per una curiosa statistica negli incroci tra i due club: in 27 match, infatti, per ben 19 volte almeno una delle due squadre ha concluso la partita con 0 gol segnati. E, addirittura, la cosa si è ripetuta sistematicamente per 9 gare consecutive. Sono attualmente 34 i gol di differenza tra i 43 realizzati in stagione dal Chievo (1,2 a partita) e i 77 della Roma (2,1a partita); quasi perfettamente pari, invece, il computo delle reti incassate, 42 a 40 con una media di 1,1 e 1,2 ogni 90 minuti. 

Il confronto è economicamente assai impari, com'è consuetudine quando si paragona una big a una provinciale che lotta la salvezza. Da una parte il club di Campedelli dispone di una rosa dal valore di 36,65 milioni; dall'altra, il club di Pallotta può contare su una rosa di 264,30 milioni. 4 nazionali e 11 stranieri per i gialloblu, rispettivamente 14 e 23 tra i giallorossi. Età media molto alta per i veronesi, 30 anni, a fronte dei 28 romanisti. Le operazioni di mercato concluse tra Chievo Verona e Roma sono in tutto 13: la prima risale alla stagione 98/99, targata Pivotto, mentre l'ultima è di due anni fa con il trasferimento di Stoian in Veneto. 

Formazioni

Vanno dissipandosi i dubbi di formazione per la Roma. Nell'allenamento di venerdì Alessandro Florenzi ha infatti lavorato in gruppo, aumentando le sue chance di prendere un posto da titolare nella difesa a quattro, con Manolas, Rüdiger e Digne. A centrocampo rientrerà Miralem Pjanic e dovrebbe essere confermato Kevin Strootman, con Radja Nainggolan qualche metro più avanti nei pressi di Perotti, che avrà ai fianchi Salah ed El Shaarawy. Tutti loro, e gli altri del gruppo, hanno studiato i loro prossimo avversari in sala video, prima di spostarsi in campo per delle esercitazioni tattiche e una partitella. 

ROMA (4-3-3): Szczesny; Florenzi, Manolas, Rüdiger, Digne; Pjanic, Strootman, Nainggolan; Salah, Perotti, El Shaarawy.

CHIEVO (4-3-1-2): Bizzarri; Cacciatore, Gamberini, Cesar, Gobbi; Castro, Radovanovic, Hetemaj; Pepe; Floro Flores, Inglese. 

L'Arbitro

Roma-Chievo sarà la nona direzione arbitrale della carriera di Domenico Celi con i giallorossi in campo. Nelle precedenti otto, i giallorossi hanno ottenuto cinque vittorie, l'ultima di queste il 2-1 contro la Sampdoria firmato da Florenzi, Perotti e un autogol di Pjanic, un pareggio e due sconfitte, entrambe fuori casa.

Celi ha espulso in due giocatori della Roma: Juan in Roma-Torino 4-1 del 2007-2008 e Nicolas Burdisso in Cagliari-Roma 5-1 del 2010-2011. Per quanto riguarda i rigori, sono due quelli fischiati in favore della Roma e uno contro.

Dieci invece i precedenti con Celi per il Chievo, che con lui ha vinto solo in due occasioni, l'ultima l'1-0 al Torino del settembre 2015, e ha ottenuto un pareggio e sette sconfitte.


Share on Facebook