Roma, Manolas out per due settimane. Dubbio Nainggolan per il Chievo

Il difensore greco era uscito malconcio dalla sfida di Torino contro la Juventus. Oggi gli esami e l'esito poco felice per i giallorossi.

Roma, Manolas out per due settimane. Dubbio Nainggolan per il Chievo
Kostas Manolas, vogliadiroma.com

Il 2016 di Kostas Manolas è già finito, il greco infatti non ci sarà nel turno infrasettimanale che chiuderà l'anno solare per la Roma di Luciano Spalletti, impegnata in casa all'Olimpico contro il Chievo di Maran, reduce dalla vittoria interna contro la Sampdoria.

Per i giallorossi c'è il compito di tornare subito al successo dopo la sconfitta di Torino contro la Juventus di Allegri, partita che lascia dietro di sè anche il problema muscolare di Manolas, così diagnosticato dal club in un comunicato ufficiale: "Nella giornata odierna Kostas Manolas è stato sottoposto ad esami strumentali che hanno messo in evidenza una lesione miofasciale di primo grado del muscolo bicipite femorale della coscia destra. Il difensore greco, che finora ha accumulato 20 presenze in stagione tra campionato e coppe, è stato costretto a lasciare il campo al minuto di 85 di Juventus-Roma. La prognosi stimabile da oggi è di circa 15 giorni." Manolas tornerà quindi a disposizione dopo la sosta del campionato, periodo che verrà usato dal difensore per recuperare al meglio.

Anche Nainggolan rischia di aver finito qui il proprio 2016. Il centrocampista belga ha zoppicato per gran parte del secondo tempo e forse senza la richiesta di De Rossi di uscire avrebbe chiesto lui il cambio. Invece è dovuto rimanere sul terreno di gioco fino alla fine, stringendo i denti e lottando fino all'ultimo. Queste le sue condizioni nel bollettino ufficiale di questo pomeriggio: "Nella giornata odierna Radja Nainggolan è stato sottoposto ad esami strumentali che hanno confermato i postumi di un risentimento muscolare al soleo della gamba destra con evidenza di edema muscolare. Le sue condizioni verrano monitorate quotidianamente." 

La speranza di Spalletti e di tutto l'ambiente è ovviamente quella di recuperare il belga, elemento fondamentale per la sua leadership e le sue qualità, tanto in fase offensiva quanto nel momento in cui la Roma deve difendersi.


Share on Facebook