Roma, Fazio: "Siamo migliorati soprattutto sotto l'aspetto della personalità"

Il difensore argentino parla ai microfoni di Roma TV dei suoi primi mesi italiani.

Roma, Fazio: "Siamo migliorati soprattutto sotto l'aspetto della personalità"
Federico Fazio, forzaroma.info

Il suo arrivo dal Tottenham non aveva generato particolare entusiasmo, eppure Federico Fazio si è saputo ritagliare un ruolo importante nella Roma di Luciano Spalletti. Il centrale argentino, che ha giocato anche in Spagna con il Siviglia, ha saputo farsi trovare pronto nel momento in cui i numeri dei centrali difensivi per la Roma erano davvero ridotti.

Un premio alla sua professionalità e alla sua voglia di allenarsi sempre con impegno, come spiega lo stesso difensore in un'intervista concessa ai microfoni di Roma TV"Mi piace lavorare e allenarmi, sono sempre pronto a dare il massimo per lottare per questa squadra. Mi trovo molto bene in questa società e in questa squadra. Sono molto felice e il mio adattamento al nuovo paese, alla nuova lingua e al nuovo calcio va molto bene. È stato un anno diverso per me. Non ho svolto il precampionato e venivo da sei mesi in cui non ho giocato tanto. Avevo bisogno di un po’ di riscaldamento. Mi alleno sempre forte: se sto bene fisicamente non ho problemi. Mi piace lottare, mi piace vincere. In questo abbiamo migliorato soprattutto l’aspetto della personalità della squadra. Si vede in campo ed è fondamentale per vincere ogni partita e campionato."

Fazio, poi, non è d'accordo con chi parla di una Roma con problemi a livello di personalità: "No, penso che nelle ultime 10-15 partite abbiamo imparato tanto in questo senso, si vede nelle partite importanti che abbiamo vinto grazie alla personalità. Dobbiamo continuare così, andare un passo avanti, dipende solo da noi." Si parla anche di alcuni singoli, con attenzione particolare sui compagni di reparto: "Rüdiger dopo l'infortunio sta giocando bene, è un giocatore bravo, trasmette energia, avevamo bisogno di lui. Manolas ha una personalità incredibile, gioca tutte le partite allo stesso modo. Vermaelen a causa dell'infortunio non ha potuto giocare quanto voleva, ma ha esperienza. Szczesny è un altro con una personalità che è molto buona per la squadra, e ha qualità." Si guarda però avanti, al 2017: "Per il 2017, a livello sportivo, spero di continuare come negli ultimi sei mesi di quest’anno e di poter lottare per tutte e tre le competizioni alla quali partecipiamo. Vogliamo vincerne una."

AS Roma