Roma, l'occasione per ripartire si chiama Napoli

La Roma è chiamata al riscatto dopo l'amaro ko in Coppa contro la Lazio. In campionato invece nulla è perduto e, anzi, una vittoria sui rivali azzurri spaccherebbe il tabellone.

Roma, l'occasione per ripartire si chiama Napoli
ibtimes.com

Vincere come analgesico formidabile per il mal di testa del mercoledì di Coppa. La prescrizione medica arriva chiara alla Roma, e prende il nome del Napoli. Il match odierno contro i partenopei è la vera misura della reazione romanista allo scotto subito nel duro derby infrasettimanale, che ha minato le speranze di qualificazione alla finale della Coppa Italia. In campionato, molto è vivo e, anzi, una vittoria oggi, alle 15.00 all'Olimpico, potrebbe scrivere la parola fine, o quasi, sui discorsi secondo posto, ascrivendo ai colori giallorossi la paternità del piazzamento (che garantisce l'Europa diretta, fonte di introiti non trascurabili), dando poi la possibilità alla squadra di mister Spalletti di puntare tutte le fiches sulla rincorsa alla Juve capolista. Senza dimenticare il doppio scontro col Lione all'orizzonte, e un delicato ma tutto da giocare ritorno in Coppa contro i cugini biancoblu. Ora sono altri, però, gli azzurri da sfidare, anch'essi rabbuiati dopo la sfida contro la Juve (e la sconfitta a domicilio contro l'Atalanta). Per fare risultato Spalletti si affida ancora agli uomini migliori, gli "stremati" (la Roma è la rosa in Europa con maggior minutaggio per alcuni dei titolarissimi).

I NUMERI DEL MATCH

A sfidarsi saranno la seconda e la terza della classe e, per il secondo anno consecutivo, sarà anche la partita che vedrà a confronto i due migliori attacchi del campionato: in testa ci sono i partenopei con 60 reti, a seguire i giallorossi a quota 57; lo scorso anno invece alla 34° giornata era in testa la Roma con 73 gol, uno in più del Napoli. Percorso pressoché simile per le due squadre nelle ultime 10 gare di campionato, dove Spalletti e i suoi hanno raccolto 24 punti contro i 23 degli uomini di Sarri.

Quella di domani sarà la sfida numero 152 in totale fra le due compagini, con i capitolini vincitori 56 volte contro le 43 dei napoletani, 52 invece i pareggi. Roma-Napoli però sorride ai padroni di casa nel recente passato, sempre vincenti nelle ultime 5 giocate all'Olimpico.

Prolifico l'attacco giallorosso contro i colori Azzurri: Edin Dzeko ha trovato i suoi primi gol contro il Napoli lo scorso 15 ottobre, siglando subito una doppietta. Anche Salah, Nainggolan e El Shaarawy hanno già segnato contro i campani mentre è Perotti l'unico attaccante della Roma ancora a secco. Dall'altra parte ci sarà José Maria Callejon che già ha segnato 3 volte contro i giallorossi, insieme a Mertens e Pavoletti con un gol a testa. A secco Insigne e Milik.

IN CAMPO

Le fatiche ravvicinate dei giallorossi impongono a Spalletti un continuo turnover "ragionato", fatto di scelte difficili e di formazioni da mandare in campo sempre tenendo conto della competitività degli avversari. Ecco dunque che al tecnico di Certaldo si prospettano numerosi dubbi da sciogliere per quanto riguarda i migliori 11 da schierare dal 1’. Un primo interrogativo riguarda il reparto offensivo con Salah e Perotti in lotta per un posto, a completamento del settore insieme agli inamovibili Nainggolan e Dzeko. A centrocampo, invece, insieme a De Rossi, Strootman e Peres andrà a giocare uno tra Jesus e Palmieri. L’ex Inter, infine, potrebbe anche essere dirottato in difesa per far rifiatare Manolas e affiancare Fazio-Rudiger. In porta torna titolare Szczesny.

La gara inizierà alle 15.00, sarà live qui, su vavel.com/it. Dirige l'incontro Banti, che torna ad arbitrare la Roma dopo il derby di campionato, vinto dai giallorossi per 2-0.

AS Roma