Sampdoria, Ferrero saluta Mihajlovic ed i tifosi, con il sogno Europa League

Il Presidente della Sampdoria, Massimo Ferrero, ha chiuso la stagione doriana scrivendo una lettera per i tifosi e per ringraziare Sinisa Mihajlovic del lavoro svolto in questa lunga annata. Intanto Zenga sembra in pole per sostituire il tecnico serbo

Sampdoria, Ferrero saluta Mihajlovic ed i tifosi, con il sogno Europa League
Sampdoria, Ferrero saluta Mihajlovic e ed i tifosi, con il sogno Europa League

Tempo di saluti, addii e resoconti per Massimo Ferrero. L'istrionico Presidente della Sampdoria ha messo nero su bianco i suoi pensieri: dall'addio a Sinisa Mihajlovic, ai ringraziamenti ai tifosi sempre vicini, agli auspici per la prossima stagione. Il sogno naturalmente è legato all'accesso alla prossima Europa League, ma bisognerà attendere il responso sul ricorso del Genoa, che nelle settimane scorse si era visto negare la licenza Uefa. 

Nel frattempo il Presidente Ferrero sta già lavorando per dare al più presto al popolo sampdoriano un nome per il post Mihajlovic. Da alcuni giorni si parlava di incontri con Paulo Sosa, Sarri e Zenga, ma stando a quanto trapela da Bogliasco, l'ex allenatore di Catania e Palermo sembrerebbe vicinissimo alla firma. Continuerebbe così una guida tecnica all'insegna del carattere. 

Per quanto riguarda la lettera del Presidente blucerchiato, vi riportiamo qui i tratti salienti.

"Sampdoria mia, ieri sera è arrivato al capolinea il nostro primo campionato che tanto ho amato. Quando sono arrivato a Genova la prima volta mi hanno chiesto che titolo di film avrei dato alla squadra e io risposi Ben-Hur. Oggi è 'La grande bellezza blucerchiata'. Ed è proprio con spirito di bellezza che iniziamo a lavorare da subito per la prossima stagione sapendo che non ci hanno regalato niente, che tutto quello che abbiamo ce lo siamo conquistato, lavorando tutti i santi giorni sui campi ogni settimana, domenica dopo domenica. Tutti hanno fatto la loro parte al meglio: la società, il mister, lo staff tecnico e medico, la squadra, i tifosi".

Il sogno Europa League è ancora vivo: "Era scritto nel destino di quando sono arrivato che i ragazzi forse l’Europa ci avrebbero regalato. Se il Genoa andrà per meriti sportivi un passo indietro la Samp farà: chapeau! Se ci andremo noi, lasceremo ad altri, come abbiamo già dimostrato, l’arte delle carte bollate e sventoleremo, con fair play, le nostre bandiere, i colori più belli del mondo. E rappresenteremo Genova, la Liguria e l’Italia con orgoglio e spirito vincente".

Non poteva mancarea il saluto a Sinisa Mihajlovic, tenico che tanto ha dato alla causa doriana: "Che dire? Il patto del ‘Gallura’ è stato rispettato, il suo onore lo ha dimostrato e sono molto dispiaciuto di perdere un allenatore che tanto ha lavorato. Come i suoi collaboratori degni del loro capo, che a me e ai ragazzi tanto ha dato.  Ciao Sinisa, ciao amico mio, grazie di tutto e in bocca al lupo con tutto il mio cuore per il tuo domani!"

Si giunge ai ringraziamenti, dai giocatori, agli addetti ai lavori, senza dimenticare coloro che permettono al calcio di esistere, i tifosi: "Ciao ragazzi: le vacanze servono per rilassarsi, divertirsi e ritemprarsi. Vi aspetto in forma e affamati, perché ora da tutto il mondo siamo guardati. Siamo stati e saremo più forti e più invogliati. Grazie a quelli che lavorano per la mia Sampdoria, con competenza e spirito di gruppo. Grazie all’avvocato Antonio Romei, a Carlo Osti, a Riccardo Pecini, a tutti i dirigenti, ai dipendenti e ai collaboratori, ai responsabili, agli allenatori e ai ragazzi della Primavera e del Settore Giovanile dove nascono gli uomini del domani. Grazie a tutte le aziende e agli sponsor che hanno scelto di condividere questo faticoso e meraviglioso viaggio insieme: con affetto saluto chi va via e aspetto chi arriva con grande energia. Un grazie speciale ai tifosi, ai tifosi più belli del mondo come i colori stampati nei loro cuori. Ne abbiamo ancora da fare di corse nei campi insieme, tiriamo solo un po’ il fiato, per correre domani ancora più forte, perché tra poco si riparte".

Infine Massimo Ferrero ringrazia anche la famiglia Garrone: "Grazie alla famiglia Garrone che tanto ha dato e fatto per la Sampdoria. Avevate altre possibilità, noi lo sappiamo, però avete scelto me, la forza, la serietà, l’entusiasmo, l’energia, la voglia di vivere, di far vivere e di vincere con simpatica allegria. Ciao Edoardo, amico mio, hai perso una scommessa, ma so che sei felice e io lo sono per te. Ci vediamo presto, sempre su questi bellissimi schermi e anche in libreria con Una vita al Massimo, che è il film della vita mia. Forza Samp sempre!".


Share on Facebook