L'Udinese suona due colpi per la salvezza. Hellas sempre più nel baratro

Al Dacia Arena, i bianconeri liquidano la pratica Hellas Verona, con le reti di Badu e Thereau. Salvezza sempre più vicina, mentre i veneti sono sempre più sicuri della serie B.

L'Udinese suona due colpi per la salvezza. Hellas sempre più nel baratro
Udinese-Hellas
UDINESE
2 0
HELLAS VERONA
UDINESE: Karnezis; Piris, Danilo, Felipe, Ali Adnan; Badu, Guilherme, Kuzmanovic; Fernandes, Di Natale, Thereau
HELLAS VERONA: Gollini; Pisano, Bianchetti, Helander, Fares; Wszolek, Marrone, Ionita, Siligardi; Pazzini, Toni
SCORE: 1-0 BADU al 33' 2-0 THEREAU al 74'
ARBITRO: DANIELE DOVERI
NOTE: SERIE A • 27. GIORNATA • DACIA ARENA • DOMENICA 28 FEBBRAIO 2016 • 15:00

Tre punti pesantissimi per l'Udinese, alla ricerca della salvezza matematica. Lo stesso non si può dire dell'Hellas Verona, che si trova con quasi tutti e due i piedi nella serie cadetta, dopo l'illusoria vittoria al derby contro il Chievo. Ci pensa l'Udinese a portarli nella dura realtà, con un due a zero, che ha palesato tutti i limiti della squadra scaligera. A segno Badu e Thereau, i bianconeri ora sono a +7 dal Frosinone, terz'ultimo, mentre l'Hellas è lontana nove punti dalla linea rossa.

A Udine scontro chiave per l'economia del campionato di entrambe le formazioni: da una parte, l'Udinese, che cerca una vittoria, che manca da più di un mese, mentre l'Hellas per ripartire dai bassifondi della classifica. Colantuono chiama Di Natale, affiancandolo a Thereau e Bruno Fernandes nel tridente, con Guillherme, Kuzmanovic e Badu nella linea di mediana. Pacchetto arretrato composto da Felipe e Danilo centrali, mentre sulle fasce partono dal primo minuto Adnan e Piris, con Karnezis tra i pali.
Scolastico 4-4-2 per Del Neri, davanti sempre presente la coppia Toni-Pazzini, supportati da Wszolek e Siligardi esterni alti, mentre Marrone e Ionita prendono il controllo della mediana, davanti ai centrali Bianchetti e Helander. Presenti Pisano e Fares come terzini, mentre tra i pali c'è sempre Gollini.

I bianconeri aggrediscono gli scaligeri fin dal primo minuto, riversandosi nella trequarti ospire, con un Di Natale particolarmente attivo. I primi palloni pericolosi partono dai piedi di Totò, che cerca continuamente i compagni, impegnando Gollini al quarto d'ora, con un bolide dalla distanza. Dopo qualche sortita, alla mezz'ora, i padroni di casa alzano i toni, con Fernandes che impegna due volte Gollini in pochi istanti, ma al minuto 33', si sblocca la partita, con Badu, che insacca di testa, su assist di Di Natale. L'Hellas si sforza poco per trovare il pari, solo Pazzini cerca spunti in attacco, impegnando solo una volta Karnezis, mentre il resto della squadra accusa il colpo. Il primo tempo finisce con l'Udinese in vantaggio, con Badu. 

All'inizio della ripresa, Verona trova subito una grandissima occasione da gol: Marrone serve Pazzini con un lancio, che scavalca la difesa locale, favorendo l'inserimento della punta, ma Pazzini spreca, lanciando altissimo da una buona posizione. Al 56', arriva la beffa per i veronesi: Di Natale serve Thereau, che insacca di tap-in, dopo aver sbagliato davanti a Gollini e firma il raddoppio. Al 74', Danilo sbaglia un clamoroso appoggio di testa a porta sguarnita, mancando di un soffio il tris, mentre l'Hellas pare aver gettato i remi in barca e alzaro bandiera bianca. I friulani lasciano scorrere il cronometro, controllando il vantaggio, la partita si chiude con il punteggio di due a zero


Share on Facebook