La Formula 1 ritorna in Austria, anteprima e orari tv

Dopo ben undici anni, la Formula 1 torna sullo storico tracciato austriaco. Grandi aspettative per la Mercedes, che arriva in testa in entrambe le classifiche. A caccia di conferme la Red Bull, dopo la vittoria canadese e alla ricerca del riscatto la Ferrari, deludente a Montréal. Di seguito gli orari tv del weekend.

La Formula 1 ritorna in Austria, anteprima e orari tv
Web

L’ultima edizione del Gran Premio d’Austria risale al 2003. Undici anni sono passati dall’ultima volta che la Formula 1 ha fatto tappa in Stiria, regione dove è situato il tracciato. Di proprietà della Red Bull, l’impianto è stato rinnovato ed è tornato quest’anno in calendario. L’ottava tappa di questa stagione sarà proprio il Red Bull Ring, dove la scuderia di casa proverà a bissare il successo. Gli renderà la vita difficile la Mercedes, che arriva da favorita e da leader in entrambe le classifiche. Più attardata e spettatrice della lotta è la Ferrari. Ancora indietro rispetto agli altri due top team, a Maranello si lavora sodo per cercare di tornare ai vertici e questo weekend sarà un altro banco di prova per la scuderia del Cavallino.

IL CIRCUITO – Situato nei pressi della cittadina austriaca di Spielberg bei Knittelfeld, fu inaugurato nel 1969 con il nome di Österreichring. La Formula 1 vi sbarcò nel 1970, disputando il primo Gran Premio d’Austria della storia della massima categoria. L’ultima edizione è datata 1987 e, dall’anno successivo, furono avviati lavori di ammodernamento dell’interno impianto. Nonostante ciò, la Formula 1 rimase restia al ritorno sul tracciato in Stiria. Furono così apportate nuove modifiche dal noto architetto tedesco Hermann Tilke nel 1995 e, dal 1997 al 2003 la Formula 1 è tornata a gareggiare su questo tracciato. Interamente rinnovato anche nel nome, l’Österreichring, grazie ai finanziamenti della società di telefonia mobile A1, è passato a chiamarsi A1 – Ring.

Nel 2004 la Red Bull rilevò l’impianto, progettando nuovi lavori che però furono interrotti  a causa di proteste ambientaliste. Il tracciato rimase così fino al 2008, anno in cui i lavori ripresero per ospitare dapprima il DTM e successivamente il Motomondiale e la Formula 1. Quest’ultima torna in Austria quest’anno, dopo che nel 2010 la FIA omologò il tracciato e nel maggio del 2011 fu inaugurato dai piloti della Red Bull, ormai proprietaria dell’impianto, Sebastian Vettel e Mark Webber con la RB6 campione del mondo 2010.

Il Red Bull Ring, nome attuale del tracciato austriaco, ricalca le linee della pista originale: si snoda per 4326 metri, divisi in 10 curve, di cui sette a destra e tre a sinistra. La Formula 1 scende in pista per la prima volta con la nuova conformazione. La Ferrari può vantare l’ultima vittoria sull’A1 – Ring, grazie a Michael Schumacher, che ottenne il successo anche l’anno precedente. Con tre vittorie, Ferrari e McLaren sono i team che più trionfi hanno ottenuto sull’A1 – Ring.

LE ASPETTATIVE – La Mercedes arriva da grande favorita su questo tracciato, come sempre da inizio stagione. Il vantaggio di Nico Rosberg e Lewis Hamilton in classifica piloti e il ritardo che gli altri team accusano nei confronti della Mercedes in classifica costruttori, possono far lavorare la squadra tedesca con una relativa tranquillità. Ma non è da sottovalutare la Red Bull: il team austriaco, che gioca in casa in tutti i sensi (nazione e circuito), è fresco di vittoria e vuole ripetersi. Daniel Ricciardo è stato l’unico pilota in grado di fermare il dominio Mercedes e la casa di Dietrich Mateschitz è a caccia di conferme per dimostrare il proprio valore in pista. Sarà un weekend importante anche per il Sebastian Vettel. Ancora alla ricerca della sua prima vittoria, spera di riuscire a salire sul gradino più alto del podio proprio nella “gara di casa”.

Si cerca il riscatto per la Ferrari, dopo la deludente prestazione di Montréal, che ha visto arrivare Fernando Alonso in sesta posizione e Kimi Raikkonen in decima. Nonostante i nuovi aggiornamenti e le modifiche apportate alla F14-T, la situazione a Maranello non ha accennato a migliorare di molto. Ma il lavoro continua e James Allison, direttore tecnico della Ferrari, ha affermato: “Dobbiamo continuare a combattere questa battaglia. Stiamo facendo tutti il possibile per migliorare ogni aspetto della vettura, in ogni componente”.

ORARI TV (L’intero weekend verrà trasmesso in diretta sia da Sky Sport che dalla Rai)

Venerdì 20 giugno

Prove Libere 1: 10.00 – 11.30 (Sky Sport F1 HD – Rai Sport 2)

Prove Libere 2: 14.00 – 15.30 (Sky Sport F1 HD – Rai Sport 2)

Sabato 21 giugno

Prove Libere 3: 11.00 – 12.00 (Sky Sport F1 HD – Rai Sport 2)

Qualifiche: 14.00 – 15.00 (Sky Sport F1 HD – Rai 2)

Domenica 21 giugno

Gara: 14.00 (Sky Sport F1 HD – Rai 1)


Share on Facebook