Abu Dhabi, Lewis Hamilton vince ed è Campione del Mondo

Secondo titolo iridato in carriera per Lewis Hamilton, che festeggia con una vittoria sul circuito di Abu Dhabi questa stagione per lui trionfale. Salgono sul podio con lui le due Williams di Felipe Massa e Valtteri Bottas, mentre Nico Rosberg per problemi tecnici finisce fuori dalla zona punti. Non un gran finale per la Ferrari, con entrambi i piloti ai margini della top ten.

Si chiude oggi il campionato del mondo di Formula 1 con l’ultima gara della stagione ad Abu Dhabi, con punteggio doppio e decisiva per l’assegnazione del titolo iridato. Alla fine è Lewis Hamilton a coronarsi campione del mondo per la seconda volta nella sua carriera, ottenendo anche la vittoria in gara. Seconda posizione per un combattivo Felipe Massa, mentre è terzo il suo compagno di squadra Valtteri Bottas. Difficile la gara di Nico Rosberg, che a causa di un problema di perdita di potenza non è in grado di lottare con il compagno di squadra e chiude fuori dai punti. Chiusura di stagione amara per la Ferrari, con Fernando Alonso e Kimi Raikkonen che non vanno oltre la nona e la decima posizione finale.

Scatta dalla pole position Nico Rosberg, davanti al compagno di squadra, rivale e leader iridato Lewis Hamilton, mentre nella giornata di qualifiche c’è stato un colpo di scena: qualche irregolarità sulle monoposto ha provocato la squalifica di Daniel Ricciardo e Sebastian Vettel, quinto e sesto, che quindi scatteranno dall’ultima fila. Terza e quarta posizione per le due Williams di Valtteri Bottas e Felipe Massa, gli unici che potrebbero dare fastidio alla coppia Mercedes in testa, mentre beneficiano della squalifica delle Red Bull le due Ferrari, che quindi scatteranno dalla settima posizione con Kimi Raikkonen e dall’ottava con Fernando Alonso.

La gara – Strepitosa partenza di Lewis Hamilton che prende subito la testa della corsa, mentre parte a rilento Nico Rosberg, tallonato da Felipe Massa, con il compagno di squadra Valtteri Bottas che perde qualche posizione. È quarto Jenson Button davanti alle Ferrari di Kimi Raikkonen e Fernando Alonso, autori di una buona partenza, mentre nel gruppo c’è qualche contatto tra la Force India di Hulkenberg e la McLaren di Magnussen, per fortuna senza conseguenze serie. Ma le gomme supersoft di alcune vetture durano poco: dopo sei giri Alonso torna ai box, mentre nel giro successivo è il turno di Button e Raikkonen. Davanti a tutti la situazione non cambia: Hamilton mantiene un vantaggio di due secondi su Rosberg, mentre Massa, terzo, sembra l’unico in grado di reggere il ritmo delle due Mercedes. Continuano i pit-stop: si fermano Hamilton e Bottas, seguiti al giro successivo da Rosberg e Massa, mentre viene comunicata una penalità per Hulkenberg, che dovrà scontare uno stop-and-go per aver spinto Magnussen oltre il limite della pista. È battaglia intanto tra Vergne e Ricciardo per la settima posizione, con l’australiano che alla fine riesce ad avere la meglio sul rivale, mentre ci sono problemi tecnici per Kvyat, che si ferma fuori pista e chiude presto la sua gara.

Dopo un errore di Rosberg, che ad una curva finisce lungo, i tempi del tedesco rimangono alti: sembra ci sia un calo di potenza nel motore, come confermato anche dal box, ma il pilota cerca comunque di continuare la gara, anche se i primi effetti di questo problema si vedono subito con il recupero su di lui di Massa, che riesce a superarlo poco dopo prendendosi la seconda posizione. A 29 giri dalla fine si verifica l’esplosione del motore con successivo incendio sulla monoposto di Maldonado, che riesce subito a parcheggiare la sua Lotus in una via di fuga. Le posizioni rimangono più o meno invariate per parecchi giri, con i pit-stop che cambiano un po’ la classifica: con la fermata di Hamilton Massa prende la testa della classifica, mentre Ricciardo è risalito fino alla terza posizione e sta continuando a marcare giri veloci, ma è seguito da Bottas che sta recuperando costantemente su di lui. Con il pit-stop di Massa a dieci giri dalla conclusione torna in testa Hamilton davanti al brasiliano ed a Ricciardo, anche se il pilota Williams non molla e cerca di recuperare sul leader iridato. Ricciardo però si deve fermare per mettere le gomme supersoft, cosa che avviene a poco meno di 10 giri dalla fine, e perde così la terza posizione a vantaggio di Bottas. Comunicazione dai box a Rosberg di tornare ai box per chiudere in anticipo la gara, ma il tedesco afferma di voler ormai finire in qualche modo una gara difficile, mentre continua la rincorsa di Massa, che guadagna costantemente sul pilota inglese, ma non è abbastanza.

Si chiude l’ultima gara della stagione con una nuova vittoria di Lewis Hamilton, che conquista così un secondo meritato titolo iridato. Ottima seconda posizione per Felipe Massa, autore di una grande gara, mentre sale sul podio anche il compagno di squadra Valtteri Bottas: un grande risultato per Williams, che dal 2005 non portava due vetture sul podio. Chiude con un gran quarto posto Daniel Ricciardo, che partiva dalle retrovie così come il compagno di squadra Sebastian Vettel, che conclude con un ottavo posto davanti alle Ferrari di Fernando Alonso e Kimi Raikkonen. Finale di stagione in quattordicesima posizione per Nico Rosberg, che riesce a finire la gara ma saluta i suoi sogni iridati: da sottolineare il momento in cui va a complimentarsi con il compagno di squadra e neo campione del mondo prima che quest’ultimo salga sul podio.

La classifica al traguardo:

1.            GBR       L.Hamilton          Mercedes Mercedes     1:39:02.619

2.            BRA       F.Massa               Williams Mercedes         +2.500

3.            FIN         V.Bottas              Williams Mercedes         +28.800

4.            AUS       D.Ricciardo         Red Bull Renault              +37.200

5.            GBR       J.Button              McLaren Mercedes        +1:00.300

6.            GER       N.Hulkenberg   Force India Mercedes   +1:02.100

7.            MEX      S.Perez                Force India Mercedes   +1:11.000

8.            GER       S.Vettel               Red Bull Renault              +1:12.000

9.            SPA        F.Alonso              Ferrari Ferrari    +1:25.800

10.          FIN         K.Raikkonen      Ferrari Ferrari    +1:27.800

11.          DEN       K.Magnussen    McLaren Mercedes        +1:30.300

12.          FRA        J.Vergne             Toro Rosso Renault        +1:31.900

13.          FRA        R.Grosjean         Lotus Renault    +1 giro

14.          GER       N.Rosberg          Mercedes Mercedes     +1 giro

15.          MEX      E.Gutierrez        Sauber Ferrari   +1 giro

16.          GER       A.Sutil   Sauber Ferrari   +1 giro

17.          GBR       W.Stevens         Caterham Renault          +2 Giri

-.             JAP        K.Kobayashi       Caterham Renault          Ritirato

-.             VEN       P.Maldonado    Lotus Renault    Fire

-.             RUS       D.Kvyat                Toro Rosso Renault        Spun Off 


Share on Facebook