Alonso: "Vista la situazione è il momento di pensare al 2016"

Il pilota spagnolo parla della difficile stagione della McLaren-Honda dicendo che la cosa più sensata in questo momento è quella di concentrarsi già sul 2016, utilizzando le restanti gare come occasioni per sviluppare la monoposto.

Alonso: "Vista la situazione è il momento di pensare al 2016"
photo by McLaren-Honda

Concentrarsi sul 2016 e mettere già in archivio, con poco meno di mezza stagione disputata, questa sciagurata annata che finora ha avuto come costante il continuo ripetersi di problemi di ogni tipo. Questo, in breve, il riassunto dell'Alonso-pensiero sui primi mesi della sua nuova avventura in McLaren-Honda.

Se si pensa che in Austria entrambe le monoposto di Woking subiranno una penalità per aver già usato tutte le power unit a disposizione per il 2015, le dichiarazioni di Alonso sembrano rappresentare l'opzione più razionale da seguire in casa McLaren: "Vista la nostra posizione e le nostre prestazioni, penso che concentrarsi sulla prossima stagione sia l'opzione più intelligente per noi in questo momento" ha dichiarato lo spagnolo ad Autosport.

Pensare al 2016 e usare le gare rimanenti di questo 2015 per raccogliere dati e migliorare la monoposto, questo è l'obiettivo: "Non ho alcun problema a partire dalla pit lane in ogni singola gara se questo può aiutare a migliorare la vettura - continua Alonso - Questa è la nostra priorità adesso, cercare di concentrarci tutti al massimo sul prossimo anno e vedere cosa sarà capace di fare la squadra."

Il pilota di Oviedo trova anche qualche lato positivo in questo 2015 avaro di soddisfazioni: "Credo che il progresso che abbiamo fatto gara dopo gara sia stato sorprendente, per questo la seconda parte della stagione per noi rappresenta un bel punto interrogativo, ma siamo tutti molto ottimisti".

Di opinione leggermente diversa Jenson Button, che crede non sia giusto mettere già la parola fine al 2015: "Non si può cancellare questa stagione, anche perché non ci saranno modifiche al regolamento, quindi dobbiamo capire cosa non va, sviluppare la monoposto e renderla più veloce e questo lo possiamo fare solo spingendo al massimo e facendo il miglior lavoro possibile in ogni gara. Solo così potremo aspettarci un 2016 diverso, più eccitante, sperando di tornare a lottare con i primi. Ovviamente - ha concluso l'inglese - abbiamo avuto più problemi di quanto avremmo voluto in questa stagione. Speriamo di risolverli in fretta perché il nostro ritmo è abbastanza buono."

Con quasi metà stagione andata, la McLaren-Honda è sicuramente la delusione più grande vista in pista, con Alonso fermo ancora a quota 0 e Button con i soli 4 punti racimolati nel Gran Premio di Montecarlo. Probabilmente nemmeno nei peggiori sogni degli uomini di Woking si sarebbe potuta verificare una situazione come questa. Questa stagione di studio e sviluppo basterà al team inglese per fare il salto di qualità e tornare a lottare al vertice?


Share on Facebook