F1, delusione Mercedes a Singapore. Hamilton: "Impossibile sperare nella vittoria"

Le qualifiche di oggi hanno messo in luce una Mercedes insolitamente in difficoltà: Hamilton e Rosberg non sono mai stati in grado di avvicinarsi ai primi e scatteranno dalla quinta e dalla sesta posizione. Di seguito le dichiarazioni dei due piloti.

F1, delusione Mercedes a Singapore. Hamilton: "Impossibile sperare nella vittoria"
foto: Getty Images

Qualifiche anomale in casa Mercedes a Singapore: considerando il dominio stabilito dalla scuderia tedesca durante tutta la stagione, è abbastanza strano vedere i due piloti così indietro in griglia di partenza. Il campione del mondo in carica nonché leader iridato Lewis Hamilton infatti scatterà dalla quinta casella, mentre condividendo la terza fila con il compagno di squadra Nico Rosberg, sesto alla fine di queste qualifiche. I due piloti non si sono mai dimostrati molto rapidi durante i turni di libere, ma come sempre si pensava che si stessero “nascondendo” e che qualcosa cambiasse durante la sessione cronometrata. I risultati invece sono molto diversi rispetto al solito.

Lewis Hamilton ha accusato circa un secondo e mezzo dal ferrarista Vettel, autore della pole position di oggi. “Non sappiamo bene cos'è successo” ha dichiarato l'inglese, “L'unica cosa che abbiamo capito è che le gomme non funzionano.” Interrogato sul mancato record di otto pole position consecutive, risultato che appartiene ad Ayrton Senna, il pilota Mercedes risponde così: “Delusione zero riguardo a questo. Ho avuto una gran fortuna ad ottenere sette pole position consecutive, ma questo record non significa nulla per me. Io voglio vincere le gare ed i campionati. Sono contento che questo record appartenga ancora ad Ayrton.” “In Ferrari sono stati veloci per tutto l'anno” prosegue il leader iridato, “io credo che la nostra squadra sia la più forte, ma per qualche motivo non siamo riusciti a far funzionare le gomme, quindi abbiamo perso più di un secondo. Certo, non abbiamo perso tutto quel tempo solo per le gomme, ma di sicuro hanno contribuito. Di solito abbiamo tre quattro decimi di vantaggio, ma oggi non è andata così. Considerando la situazione attuale, non possiamo sperare di vincere domani.

Anche dalle parole di Nico Rosberg traspare la delusione per una qualifica al di sotto degli standard a cui è abituato: il pilota tedesco non è riuscito a risolvere i grossi problemi di set-up accusati durante le libere e non è mai riuscito ad avvicinarsi alle posizioni di vertice. “La macchina è totalmente inguidabileha dichiarato sconsolato alla fine delle qualifiche,e non riusciamo a capire il perchè. I cambiamenti al set-up non ci hanno portato dove volevamo e le qualifiche di dimostrano quanto io e Lewis abbiamo sofferto con la trazione della nostra monoposto. La vettura scivola da tutte le parti e questo problema ci è costato un secondo abbondante nei confronti di Red Bull e Ferrari.Come Hamilton, nemmeno Rosberg crede possibile la vittoria in gara domani: “Vincere domani sarà estremamente complicato, quasi impossibile, ma spero di togliere più punti possibili al mio compagno di scuderia.