F1, Suzuka: Sainz e Kvyat in testa nelle prime libere sotto la pioggia

Le prime due sessioni di prove libere in Giappone si svolgono in condizioni di bagnato estremo, poco utili in previsione di qualifiche e gare, che dovrebbero essere sull'asciutto. Il primo turno vede in testa Carlos Sainz, mentre nel secondo il miglior tempo è di Daniil Kvyat.

F1, Suzuka: Sainz e Kvyat in testa nelle prime libere sotto la pioggia
foto: crash.net

Comincia ufficialmente il Gran Premio del Giappone di Formula 1 con i primi due turni di prove libere. Il tempo non è dei migliori e le sessioni risultano essere poco indicative: i piloti infatti sono costretti a girare fin da subito in condizioni di bagnato, cosa che ha rallentato il lavoro in pista. Il miglior tempo nel primo turno è del pilota Toro Rosso Carlos Sainz, mentre le libere 2 vedono in testa Daniil Kvyat.

I primi piloti a inaugurare la prima sessione sono Palmer, tester al posto di Grosjean, e Ericsson, entrambi da subito con gomme da bagnato estremo. Man mano che passano i minuti si fanno vedere tutti gli altri piloti in pista, tranne le due Manor e Hamilton, che attendono qualche minuto in più prima di farsi vedere. I passaggi in pista delle monoposto sono comunque piuttosto brevi e dobbiamo aspettare quasi un'ora prima di avere qualche tempo significativo: Verstappen si piazza primo con un 1:51.741, seguito da Raikkonen e Sainz a due secondi. I tempi si abbassano, con Rosberg a guadagnare la testa seguito da Sainz, entrambi davanti al giovane rookie, che assieme a Kvyat, Massa e Bottas è il primo a decidere poco dopo di rischiare montando le gomme intermedie. Le condizioni della pista migliorano ed altri piloti seguono il loro esempio, con tempi quindi che si abbassano ancora: Sainz e Kvyat sono gli unici a fermare il cronometro sotto l'1:50. A fine turno la pioggia si intensifica nuovamente quindi non si registrano più cambiamenti per quanto riguarda i tempi cronometrati.

La classifica:

1.

SPA

C.Sainz Jr

Toro Rosso Renault

1:49.434

10

 

2.

RUS

D.Kvyat

Red Bull Renault

1:49.938

0.504

7

3.

GER

N.Rosberg

Mercedes Mercedes

1:50.077

0.643

14

4.

GER

S.Vettel

Ferrari Ferrari

1:50.519

1.085

12

5.

GBR

L.Hamilton

Mercedes Mercedes

1:50.722

1.288

6

6.

NET

M.Verstappen

Toro Rosso Renault

1:50.940

1.506

10

7.

FIN

K.Raikkonen

Ferrari Ferrari

1:51.212

1.778

15

8.

BRA

F.Massa

Williams Mercedes

1:52.288

2.854

12

9.

SWE

M.Ericsson

Sauber Ferrari

1:53.820

4.386

12

10.

FIN

V.Bottas

Williams Mercedes

1:53.964

4.530

14

11.

BRA

F.Nasr

Sauber Ferrari

1:54.013

4.579

9

12.

GBR

J.Button

McLaren Honda

1:55.678

6.244

6

13.

AUS

D.Ricciardo

Red Bull Renault

 

1

 

14.

MEX

S.Perez

Force India Mercedes

 

4

 

15.

VEN

P.Maldonado

Lotus Mercedes

 

3

 

16.

SPA

F.Alonso

McLaren Honda

 

5

 

17.

GER

N.Hulkenberg

Force India Mercedes

 

1

 

18.

GBR

W.Stevens

Marussia Ferrari

 

1

 

La pista di Suzuka si presenta bagnata in questo secondo turno di prove libere, ma non piove più, quindi dovrebbe decisamente esserci più azione. Il primo pilota a cominciare il lavoro pomeridiano è Kvyat, che esce con gomme intermedie usate. Poco dopo in pista anche Rosberg, con gomme da bagnato usate, mentre Hulkenberg, Ericsson, Raikkonen e Perez si fanno vedere con gomme intermedie nuove. Problemi per Verstappen, che scatterà in ritardo a causa di un problema con una vite della carrozzeria mentre i suoi uomini stavano chiudendo il cofano motore, mentre in McLaren si verifica il cambiamento di motore sulla monoposto di Alonso, che scenderà in pista con l'unità di Spa. Tempi ancora piuttosto lenti nei primissimi minuti, ma poi con il miglioramento della pista si comincia a vedere qualcosa di interessante: dopo un quarto d'ora Rosberg realizza il miglior tempo, davanti a Ricciardo, Kvyat e Raikkonen, quest'ultimo protagonista anche di un lungo senza conseguenze. Grazie al team radio di Ericsson si viene a sapere che ci si aspetta pioggia a breve, ma in pista nel frattempo, anche se i piloti continuano a realizzare passaggi, non si registrano miglioramenti per quanto riguarda i tempi. A mezz'ora dalla fine delle prove la pioggia è tornata a cadere copiosa sul tracciato, come afferma anche Ericsson, rientrato ai box dopo un giro con le gomme da bagnato intenso, che lamenta aquaplaning in diversi punti della pista. L'unico a non aver ancora un tempo cronometrato è Bottas, mentre si vedono in pista entrambe le Mercedes per un out-in, così come poco dopo Vettel e Button, che testano le condizioni attuali del tracciato. Vista la pioggia, i tempi non scendono più, così come i piloti, che chiudono in anticipo questa seconda sessione di libere, nuovamente con tempi poco indicativi.

La classifica:

1.

RUS

D.Kvyat

Red Bull Renault

1:48.277

6

 

2.

GER

N.Rosberg

Mercedes Mercedes

1:48.300

0.023

8

3.

GBR

L.Hamilton

Mercedes Mercedes

1:48.853

0.576

8

4.

AUS

D.Ricciardo

Red Bull Renault

1:49.097

0.820

10

5.

GER

S.Vettel

Ferrari Ferrari

1:50.268

1.991

19

6.

FIN

K.Raikkonen

Ferrari Ferrari

1:50.319

2.042

16

7.

SPA

C.Sainz Jr

Toro Rosso Renault

1:50.418

2.141

6

8.

NET

M.Verstappen

Toro Rosso Renault

1:50.542

2.265

5

9.

BRA

F.Nasr

Sauber Ferrari

1:50.968

2.691

10

10.

VEN

P.Maldonado

Lotus Mercedes

1:51.557

3.280

7

11.

GER

N.Hulkenberg

Force India Mercedes

1:51.674

3.397

11

12.

GBR

J.Button

McLaren Honda

1:51.861

3.584

9

13.

SWE

M.Ericsson

Sauber Ferrari

1:51.934

3.657

12

14.

MEX

S.Perez

Force India Mercedes

1:52.070

3.793

8

15.

FRA

R.Grosjean

Lotus Mercedes

1:52.534

4.257

6

16.

BRA

F.Massa

Williams Mercedes

1:52.765

4.488

6

17.

SPA

F.Alonso

McLaren Honda

1:55.239

6.962

10

18.

GBR

W.Stevens

Marussia Ferrari

1:58.059

9.782

6

Formula 1