Button - McLaren insieme anche nel 2016 per cercare la svolta

Il team di Woking ha annunciato che Jenson Button sarà un loro pilota anche per la prossima stagione. Soddisfazione da parte di Ron Dennis: "Sono contento, è una buona notizia per tutto il team" e fiducia confermata nella squadra da parte del pilota inglese: "Appena ho preso questa decisione ho capito che stavo facendo la cosa giusta".

Button - McLaren insieme anche nel 2016 per cercare la svolta
Button e Dennis soddisfatti delle loro scelte (photo by McLaren)

Jenson Button resterà in Formula 1 anche per il mondiale 2016 e lo farà sempre alla guida di una McLaren. Nelle scorse settimane sembrava che l'avventura dell'inglese nel circus fosse vicina alla parola fine, ma proprio oggi è arrivata la notizia ufficiale dal team di Woking che annuncia la presenza di Button anche per l'anno prossimo. 

Ron Dennis, il gran capo del team, ha così commentato: "Io e Jenson abbiamo parlato dei suoi piani in privato nelle scorse settimane e sono contento che siamo arrivati a prendere la decisione che annunciamo oggi perché oltre ad essere una buona notizia per noi, è uno stimolo in più per tutta la McLaren-Honda." Dennis aveva già detto a Suzuka che l'inglese aveva un contratto con McLaren per due anni e infatti ribadisce: "C'era un'opzione per la quale Jenson avrebbe potuto chiudere con noi alla fine del 2015, ma dopo le tante chiacchierate con lui quando ho capito che sarebbe rimasto con l'entusiasmo e la concentrazione di sempre, quella opzione è diventata subito irrilevante".

Il CEO McLaren non ha nascosto la soddisfazione di essere riuscito a trattenere Button per un altro anno, un pilota esperto e lontano dallo stile polemico di Alonso, mal digerito da Dennis proprio domenica scorsa a Suzuka: "Sono estremamente contento di questa conferma, Jenson è i pilota più esperto in Formula1 e l'anno prossimo diventerà il terzo pilota in Formula1 a passare il record dei 300 gran premi disputati. E tutta questa sua esperienza lo fa diventare un elemento importantissimo nella nostra squadra, senza dimenticare che Jenson è  sempre un pilota molto competitivo ed estremamente veloce".

Dal canto suo Button spiega cosa l'ha portata a questa decisione, dopo aver pensato al ritiro: "Negli ultimi mesi ho pensato molto a questa scelta e non è un segreto che fossi molto combattuto sulle due possibilità che avevo davanti. Ma sono un pilota McLaren da sei anni e in questo periodo ho conosciuto Ron molto bene. Nelle ultime settimane io e lui abbiamo fatto delle lunghe chiacchierate e grazie ad esse ho capito che Ron è assolutamente determinato e ha i mezzi per guidare il nostro team attraverso le difficoltà di oggi verso grandi successi in futuro. Questo mi ha dato molta fiducia ed è per questo che abbiamo deciso insieme di continuare la nostra aventura e appena ho preso questa decisione ho capito che stavo facendo la cosa giusta".

L'inglese non nasconde le difficoltà della McLaren, ma crede che presto le cose miglioreranno: "Sicuramente quest'anno non è stato facile per noi, ma sappiamo cosa dobbiamo fare per migliorare e, in collaborazione con Honda, lavoreremo molto nelle prossime settimane e mesi per fare in modo che il 2016 sia una stagione migliore di questa e io non vedo l'ora!"

Formula 1