F1, prima fila tutta Mercedes. Rosberg: "Molto contento del mio tempo", Hamilton: "Punto a vincere"

Nico Rosberg ottiene in Brasile la quinta pole position stagionale, mentre Lewis Hamilton completa la prima fila Mercedes con il secondo miglior tempo. Di seguito le dichiarazioni dei due piloti.

F1, prima fila tutta Mercedes. Rosberg: "Molto contento del mio tempo", Hamilton: "Punto a vincere"
foto: Getty Images

È un'altra ottima prestazione quella ottenuta dal duo Mercedes durante le qualifiche in Brasile: Nico Rosberg ha conquistato la pole position, mentre il campione del mondo Lewis Hamilton scatterà al suo fianco. Se il tedesco è davvero soddisfatto di questa prestazioni, non si può dire lo stesso del collega inglese: nonostante le dichiarazioni, ha sollevato qualche perplessità per aver disertato le foto di rito a fine turno assieme al compagno di squadra ed al ferrarista Vettel.

Chiaramente sono molto soddisfatto di avere conquistato la migliore posizione di partenza per la gara di domani” ha commentato il pilota tedesco a fine giornata, “ho lavorato bene durante le qualifiche. Ho dovuto un po’ recuperare nella Q2, che non è andata come avevamo pianificato, però nella Q3 sono riuscito a fare davvero dei buoni giri: l’ultimo è stato proprio al limite, con dei momenti rischiosi, però sono molto contento del tempo che ho fatto”. Quando gli si domanda dell'obiettivo, ovvero la seconda posizione in campionato, Rosberg risponde così: “Io queste gare le vedo come una dopo l’altra, voglio vincere. Come ‘effetto collaterale’ ci sarebbe il secondo posto in campionato, sicuramente migliore del terzo, ed è sempre meglio chiudere in salita piuttosto che in discesa, quindi sarebbe positivo per il finale di stagione.

A dire la verità è andata bene oggi” ha commentato Hamilton ai microfoni, “avevo un buon bilanciamento nella vettura e sono molto soddisfatto del lavoro che abbiamo fatto con gli ingegneri, i giri mi sono sembrati piuttosto buoni.” “Siamo andati molto bene in Q1 e in Q2, in Q3 invece mi è mancato quel pochino di margine in più e alla fine non sono riuscito a sfruttare al massimo il primo settore, mentre gli altri due erano buoni” continua l'inglese, spiegando così la mancata pole position. “Il mio obiettivo principale l’ho già centrato quest’anno, ma chiaramente venendo qui punto a vincere, visto che non ci sono mai riuscito su questo circuito. L’anno scorso ero forte in gara quindi spero di poterlo essere anche domani e vedere se riuscirò a fare la differenza”, ha poi concluso.

Formula 1