Formula 1 - La Mercedes perde anche Paddy Lowe

La corrazzata tedesca che ha dominato le ultime tre stagioni rischia di perdere un altro pezzo importante del suo puzzle.

Formula 1 - La Mercedes perde anche Paddy Lowe
La Mercedes perde anche Paddy Lowe

Poco più di una settimana fa Nico Rosberg annunciava il suo ritiro dalla F1, lasciando la Mercedes senza un pilota. Ora il team tedesco ha perso un altro pezzo importante: è praticamente certo che l'attuale direttore tecnico Paddy Lowe non rinnoverà il suo contratto con la Mercedes, terminato alla fine del 2016. 

Lowe era arrivato in Mercedes nel 2013, anno in cui il team tedesco è diventato stabilmente un top team, e lascia dopo tre mondiali piloti (2014 e 2015 con Hamilton, 2016 con Rosberg) e tre costruttori consecutivi. Il motivo del suo addio al team di Brackley è economico: Lowe e la Mercedes non si sarebbero messi d'accordo sullo stipendio di Lowe, che avrebbe ricevuto un'offerta di gran lunga migliore da un altro team. 

È già quasi certo che a prendere il posto di Paddy Lowe sarà James Allison. Voci di un suo approdo in Mercedes circolano da settimane ma l'inglese non potrà essere operativo prima dell'inizio del Mondiale 2017 dei sei mesi di "gardening" che Allison dovrà rispettare.

Per quanto riguarda il futuro di Lowe, alcune voci lo davano vicino ad un approdo in Ferrari, ma le ultime indiscrezioni rivelano che l'ingegnere inglese vorrebbe firmare per un team inglese. A questo punto erano circolate voci su un ritorno di Lowe in Mclaren (dove era già stato da metà 1993 ad inizio 2013. Anche queste voci però sono state smentite (dalla stessa Mclaren).

A questo punto è molto probabile che la destinazione di Lowe sia la Williams (team con cui aveva lavorato dal 1987 fino a metà 1993), che sta pensando ad una ristrutturazione totale della squadra, per tornare ad essere un top team (la Williams non vince un mondiale dal 1997). Lowe avrebbe maggiore autonomia, oltre a uno stipendio ben più cospicuo di quello che prendeva alla Mercedes. Prima di essere operativo però dovrà rispettare anche lui i sei mesi di "gardening".

Formula 1