Formula 1 - Gp Spagna: Hamilton torna in pole, Vettel splendido secondo. Che Alonso!

Pole position numero 64 in carriera del pilota Mercedes, ma Seb è lì a mezzo decimo. Bottas precede Raikkonen, tutta Red Bull la terza fila davanti a Fernando che è meraviglioso settimo.

Formula 1 - Gp Spagna: Hamilton torna in pole, Vettel splendido secondo. Che Alonso!
Formula 1 - Gp Spagna: Hamilton torna in pole, Vettel splendido secondo. Che Alonso!

Numero 64. Queste sono le pole position messe a segno da Lewis Hamilton, il quale si avvicina ad Ayrton Senna che è staccato di una sola lunghezza dopo il miglior tempo ottenuto dal pilota britannico della Mercedes nelle qualifiche del Gran Premio di Spagna. Sul circuito del Montmelò il vice-campione del mondo torna a volare, battendo il record della pista su giro secco e portandosi però dietro ancora una volta Sebastian Vettel. Splendido il tedesco, la cui power unit della Ferrari fa le bizze e mette a rischio addirittura l'intera qualifica, ma viene tenuta a bada e spremuta al massimo dallo stesso Seb, che paga appena 51 millesimi al termine delle prove. Seconda fila tutta finnica, con Valtteri Bottas davanti a Kimi Raikkonen, mentre le due Red Bull di Max Verstappen e Daniel Ricciardo precedono un clamoroso Fernando Alonso, splendido settimo con una McLaren ancora in difficoltà.

La qualifica inizia con il colpo di scena di cui vi abbiamo già parlato, ovvero del problema alla power unit di Vettel. Un paio di minuti da brividi, poi un tempo sotto il muro dell'1'21" che lo mette al sicuro quantomeno per la qualificazione alla Q2. Il tempo del ferrarista è leggermente migliore rispetto a quello di Bottas ma viene nettamente battuto da un Hamilton decisamente caldo fin dall'inizio delle qualifiche. A chiudere il poker dei top driver dell'inizio della stagione ci pensa Kimi Raikkonen: un giro abbastanza tranquillo per il finlandese, che è quarto a sei decimi dal primatista della Q1. Tra le retrovie spicca il buon tempo di Carlos Sainz che fa da apripista alle Red Bull: Verstappen è a quasi un secondo dal leader, Ricciardo è ancor più indietro. È buono anche il crono di Alonso che si mette per pochi centesimi davanti a Massa, preceduto a propria volta anche dalle Force India di Perez e Ocon (sempre molto performanti i due in rosa), dalla Renault di Hulkenberg e dalla Sauber dell'ottimo Wehrlein. Ci si avvicina alla deadline per il primo taglio e Raikkonen opta per un altro crono con gomme usate; straordinario il tempo di Alonso che sale in Top Ten, mentre Wehrlein condanna per 5 millesimi Marcus Ericsson. Lo svedese è eliminato insieme a Joleon Palmer, Lance Stroll, Stoffel Vandoorne e Daniil Kvyat.

Seconda manche che vede subito in pista la coppia della Mercedes accompagnata da Kimi Raikkonen. È ancora Hamilton che precede Bottas, anche se il divario tra i due scende sotto il decimo, mentre il finnico di casa Ferrari si assesta ancora sui quattro decimi di ritardo. Ancora ottimo il tempo di Sainz che si porta poco sopra il secondo di distacco dal britannico, con Hulkenberg che si mette a caccia mentre si lanciano tutti gli altri: è ancora bravissimo Ocon che precede nuovamente il compagno Perez, mentre le Red Bull insidiano la seconda fila virtuale con Verstappen che precede di poco Ricciardo. È però splendido il tempo di Sebastian Vettel, che si mette in mezzo alle due frecce d'argento pagando appena 85 millesimi da chi guida la classifica. Nel finale si accendono anche le Haas, con Grosjean ma soprattutto con Magnussen momentaneamente in Top Ten prima degli ultimi 5 minuti. Tuttavia, sia il francese che il danese vengono eliminati dalla Q2 grazie a un super Alonso che si qualifica, a differenza di Carlos Sainz, Nico Hulkenberg e Pascal Wehlrein.

Scatta la Q3 con i migliori subito in pista a caccia del primo tempo. Hamilton mette in riga nuovamente tutti quanti, con Bottas che questa volta è staccato di due decimi e mezzo anche a causa di un traversone alla penultima curva; Raikkonen compie un giro quasi perfetto e resta incollato al connazionale, con Vettel che è dietro di mezzo secondo e viene insidiato anche da Verstappen, quinto a sei decimi dal leader. Ricciardo un po' più staccato, a oltre un secondo. Alle spalle dei primi sei nessuno completa un giro, così Ocon sarebbe virtualmente settimo davanti a Massa, al compagno di suqadra Perez e a un Alonso che esce in pista per primo nel rush finale in cui tutti si presentano con il coltello tra i denti. La pole position sembra una questione abbastanza facile da risolvere, con un Hamilton superiore al resto della concorrenza. Vettel fa un primo settore clamoroso e un secondo addirittura pazzesco; intanto nè Bottas nè il britannico si migliorano, Seb si avvicina tantissimo ma non si prende la seconda pole position di fila, mentre è pazzesco Alonso che chiude settimo.

Formula 1