F1 - Alonso vuole vincere e si guarda intorno: "Valuterò tutto, ma voglio tornare a vincere"

L'asturiano vuole vincere ed è pronto a valutare ogni offerta che gli permetta di lottare per il vertice, poi valuta anche l'addio alla F1.

F1 - Alonso vuole vincere e si guarda intorno: "Valuterò tutto, ma voglio tornare a vincere"
F1 - Alonso vuole vincere e si guarda intorno: "Valuterò tutto, ma voglio tornare a vincere"

Fernando Alonso vuole vincere, non ha tempo da perdere e, proprio per questo, ha deciso di prendere tempo e valutare tutte le offerte fino a novembre, perché non vuole passare un altro anno a lottare con una vettura inadatta alle sue ambizioni. L'asturiano ha spiegato, infatti, che il suo obiettivo è far parte di un team competitivo, che gli possa dare la possibilità di lottare per il titolo, così da poter puntare al tanto agognato terzo titolo iridato. 

In tutto ciò, però, Nando non esclude altre possibilità al di fuori dal circus: "La Formula 1 rimane la mia priorità, la mia vita e spero di vincere un altro Mondiale. Se non vedo nessun progetto che mi possa permettere di lottare per la vittoria, allora guarderò anche fuori dalla Formula 1. Ma questa sarà una decisione che prenderò a novembre o dicembre. Fino ad allora valuterò tutte le possibilità"

Alonso si è mostrato un pilota versatile, capace di lottare anche in una gara, e in un campionato, completamente diversa dalla Formula 1, come la IndyCar e la 500 Miglia, dove a lungo a lottato per il successo. Inoltre, si sa, che Nando punta forte a conquistare la tripla corona ed è per questo motivo che non è da escludere un suo passaggio nell'Endurance, per puntare alla 24h di Le Mans. L'ex Ferrari, però, si dà tempo e spiega che la decisione definitiva arriverà soltanto a fine stagione, quando già si inizierà a parlare di stagione 2018. Alonso, poi, non esclude un suo ritorno in Indy, anche perché è rimasto folgorato dall'atmosfera e dal calore del pubblico: "Quando sono andato ad Indianapolis, ho avuto di nuovo la sensazione di lottare per la vittoria ed è stato qualcosa di speciale. Quella sensazione è magica. Poi quello è un campionato diverso, in cui tutti i piloti sono considerati eroi dal pubblico".

L'iberico, come al suo solito, non nasconde nulla e si toglie gli ultimi sassolini dalla scarpa, attaccando Honda: "Dopo tre anni non sono ancora nella posizione che speravano, quindi devono ancora fare delle modifiche".

In casa McLaren sanno che un Alonso in squadra è fondamentale, dunque sarà decisivo l'apporto di Honda, che si trova ad un bivio, o migliorare la PU oppure Alonso ha già le valigie in mano.