CIV: Scagnetti, Montella, Nepa, Arbolino, Pagliani, Caricasulo e Goi sono i campioni italiani

Sono 7 i campioni italiani della stagione 2014 del Campionato Italiano di Velocità le cui ultime due gare hanno avuto come teatro il circuito toscano del Mugello, lo stesso tracciato dove si era aperta la stagione lo scorso Aprile. Scagnetti è di nuovo campione italiano della 125 sp, Montella giovanissimo si aggiudica il titolo della 250sp mentre per la pre-Moto3 si aggiudicano il titolo Nepa (250) e Arbolino della Sic58 Squadra Corse(125). In moto3 all'ultimo Pagliani beffa Bezzecchi e Dalla Porta e si laurea campione italiano, in Supersport 600 Caricasulo fa una gara perfetta di polso e di testa ed a 18 anni è campione italiano, in SBK è Goi a spuntarla su tutti amministrando la gara con un 3° posto che gli permette di aggiudicarsi l'oro tricolore.

CIV: Scagnetti, Montella, Nepa, Arbolino, Pagliani, Caricasulo e Goi sono i campioni italiani
I 7 Campioni Italiani: da sx Caricasulo, Goi, Pagliani, Arbolino, Nepa, Montella e Scagnetti / fonte CIV.TV

Si è conclusa Domenica 19 Ottobre la stagione del Campionato Italiano di Velocità 2014 là dove si era aperta: il circuito del Mugello a Scarperia (FI). Tra le colline mugellane le condizioni metereologiche hanno "regalato" ai piloti molti sbalzi di temperatura e non troppa stabilità, caratteristica la pioggia a tratti alternata da un sole quasi troppo bollente per Ottobre... ma protagonista delle protagoniste è stata la nebbia della Domenica mattina che ha condizionato i warm up di tutte le categorie (non si sono effettuati).

Il Sabato

Come previsto dal format CIV le gare sono state due per ogni categoria (tranne la SP 125 e 250), una disputatasi il sabato e una la domenica. I titoli tricolori alla gara del sabato si erano assegnati solo nella classe pre-moto3 comprendente le sotto-categorie 125 2t e 250 4t che hanno i loro campioni italiani rispettivamente in Tony Arbolino e Stefano Nepa. Le altre 5 categorie dovevano ancora ricevere il verdetto finale con un imprevisto insolito nell categoria 600 Supersport, la gara del sabato era stata vinta in volata da Roccoli su Caricasulo tranne poi -anailizzato il photo finish- dare la vittoria per 10 millesimi a Caricasulo per poi comunicargli nella mattinata di Domenica l'errore commesso e togliergli nuovamente la medaglia d'oro per la gara di sabato a favore di Roccoli.

La Domenica (5 categorie da assegnare)

Sport Production (125 e 250)

Le prime a scendere in pista dalle 13.00 sono state le Sport Production, le 125 e 250 corrono insieme: Yari Montella su Kawasaki ha vinto la gara ed il titolo 250 mentre Daniele Scagnetti ha amministrato la sua posizione e gli è bastato tagliare il traguardo in seconda posizione -dietro a Federico Drago- per aggiudicarsi nuovamente il titolo di Campione Italiano categoria 125sp.

Moto3

In griglia le Moto3 ci si prepara ad una gara 2 mozzafiato, i tre inseguitori del titolo sono Lorenzo Dalla Porta, Manuel Pagliani.e Marco Bezzecchi. Da segnalare  la wild card Gabriel Rodrigo Castillo impegnato nel CEV con il Team fondato da Aleix Espargaro, che allo spegnersi del smaforo balza subito in testa e così finirà anche la gara facendo echeggiare sul circuito toscano la Marcha Real spagnola. A dover proteggere i pochi punti di scarto in classifica generale è Bezzecchi che però viene passato dal rivale Pagliani e daun formidabile Del Bianco. La gara si conclude con la vittoria di Rodrigo , seguito da Del Bianco e Groppi. Pagliani con la 4° posizione si aggiudica il Campionato beffando Bezzecchi, fino ad allora leader, di una sola posizione e di un pizzico di punti.

Superbike

Anche  in SBK a vincere gara2 è una wild card: Leandro Mercado accorso qui al Mugello per il team Barni che ha festeggiato anche il titolo italiano di Ivan Goi, al "Terribile" infatti è bastato un terzo posto per aggiudicarsi il campionato su Baiocco che aveva un distacco in classifica di 15 punti ed il cui secondo posto in Gara2 non è stato sufficiente per aggiudicarsi la targa tricolore dorata.

Supersport 600

La Supersport aveva tre alfieri in lizza per il titolo: Cruciani, Roccoli e Caricasulo.  Al ravennate 18enne Caricasulo sarebbe stato sufficiente amministrare un terzo posto per vincere il Campionato, proprio per questo la gara è stata questione di testa: Roccoli e Cruciani avrebbero dovuto cercare non solo di mettere le ruote davanti a Caricasulo ma anche provare a farlo risucchiare nella mischia dopo il 3° posto. Per questo motivo Caricasulo tenta una partenza a razzo e prova a staccare, Cruciani e Roccoli,  una volta superato il pilota del Team Evan Bros, provano a rallentarlo in attesa dell'arrivo del resto del serpentone dei piloti, ma ciò non basta a scoraggiare il "Carica" che così si pone di nuovo davanti agli avversari fino a quando, ormai staccati dal resto del gruppo, non può amministrare il terzo gradino del podio che gli permette così di ottenere il titolo di Campione Italiano 2014. Vince la gara2 Roccoli, seguito da Cruciani.

Pre-moto3 (125 e 250)

In 125 la Domenica si sa già chi è il Campione Italiano: Tony Arbolino che non contento strappa anche un'ultima vittoria portandosi a casa un weekend quasi perfetto, sul podio Sintoni ed il compagno di squadra Kevin Sabatucci ripescato all'ultimo e che con un sorriso a 32 denti e dopo un lungo abbraccio a Paolo Simoncelli sale incredulo sul podio.

Anche in 250 si sa già che il titolo è di Stefano Nepa che conclude Gara2 in 3° posizione dietro a Bruno Ieraci 2° -pilota red bull rookies cup- e Foggia.

I 7 Campioni Italiani verranno premiati Venerdì 7 Novembre al Salone EICMA di Milano.