L'Hungaroring è pronto ad accogliere il terzo Gran Premio del FIA WTCC

A Budapest ci sarà grande attesa per il duello tra Tiago Monteiro e Josè Maria Lopez, ma anche per l'idolo locale Norbert Michelisz.

L'Hungaroring è pronto ad accogliere il terzo Gran Premio del FIA WTCC
L'Hungaroring è pronto ad accogliere il terzo Gran Premio del FIA WTCC

Nemmeno il tempo per archiviare il Gran Premio di Slovacchia ed il FIA WTCC sarà già in pista domenica per quello di Ungheria. Catturerà l'attenzione il duello al vertice della classifica piloti tra Tiago Monteiro e Josè Maria Lopez, al momento separati da 1 solo punto. Il pubblico di casa accorrerà in massa all'Hungaroring però pure per l'idolo locale Norbert Michelisz, attualmente terzo.

Questo tracciato è stato inaugurato nel 1986 ed il WTCC vi gareggia dal 2011. L'Hungaroring è molto tortuoso, ha ben 16 curve, ciò rende molto difficili i sorpassi, misura 4,381 km. Gianni Morbidelli ha colto l'unico successo in questa categoria su Chevrolet Cruze, in gara 2 nel 2014. Lo scorso anno invece nella prima manche si è imposto il bicampione del Mondo, l'argentino Josè Maria Lopez, in quella successiva ha prevalso Norbert Michelisz, come già aveva fatto nel 2012. Yvan Muller, compagno di squadra del già citato Lopez, sulla Citroen C-Elysèe, ha fatto segnare il giro record in qualifica, con il tempo di 1'48"727 (media di 145,05 km/h), così come in gara 1'50"119 (media di 149, 223 km/h). L'alsaziano, 4 volte iridato, si è imposto su questa pista in ben 4 occasioni. Lo stesso Muller però ha dimostrato di patire parecchio la presenza di Lopez, faticando ad esprimersi su alti livelli. Il francese è sesto nel Mondiale piloti a quota 36 punti e finora ha collezionato prestazioni imbarazzanti. Magari è ancora presto per dirlo ma l'Hungaroring rappresenta quasi una sorta di ultima chiamata per Muller. Se non vincesse nemmeno 1 delle 2 gare e non si piazzasse nemmeno sul podio, rischierebbe di perdere altri preziosi punti.

Il campionato non è più solo una dittatura Citroen C-Elysèe ma pure la Honda ha dimostrato di poter dire la sua. Dietro stanno iniziando a mettersi in luce pure Lada Vesta e Volvo Polestar. Gli appassionati potranno seguire le qualificazioni sabato alle ore 16, in diretta su Eurosport 2. Sempre Eurosport 2 proporrà in diretta domenica alle ore 14 la opening race. Ancora domenica ma alle 17, Eurosport trasmetterà la main race.