C.I.V.M 2017 - Il tornado Faggioli si abbatte sulla Trento-Bondone

Il toscano, dopo qualche gara di assenza, trionfa in Trentino, sbaragliando la concorrenza, a partire dall'amico/rivale Christian Merli. 3° un sorprendente Diego De Gasperi. Dondi continua a stupire, mentre Roberto Di Giuseppe e Gabriella Pedroni sono protagonisti di due graditissimi rientri.

C.I.V.M 2017 - Il tornado Faggioli si abbatte sulla Trento-Bondone
C.I.V.M 2017 - Il tornado Faggioli si abbatte sulla Trento-Bondone

È un Simone Faggioli straripante quello che si presenta al via della Trento-Bondone, edizione 2017. Il toscano, a bordo della sua Norma M20 FC, sbaraglia la concorrenza lungo i 20 km della salita trentina e si porta a casa la seconda gara in stagione.

Assenti Scola e Magliona, obbligati, da regolamento, a saltare due gare del campionato, guadagna anche Chrstian Merli, 2°, che non può in alcun modo fronteggiare il rivale sulle strade di casa. Alla fine, infatti, Faggioli distrugge il precedente record di 7'00"52 , fatto segnare nel 2015, di oltre 7" e lascia Merli a 19"12.

Terzo posto per un sorprendente Diego De Gasperi, che sulle strade di casa si esalta e chiude il podio, anche se paga 42"61 a Faggioli. 

In tutto ciò, l'asso toscano porta a casa anche la classifica tra le E2-SC, davanti a Ivan Pezzolla, 5° assoluto, e Sante Ostuni, 10° al traguardo. Merli, invece, risponde vincendo tra le E2-SS, battendo, oltre al concittadino De Gasperi, anche Federico Liber, che chiude 4° assoluto. 

6° posto assoluto per Achille Lombardi, che porta a casa la vittoria nel gruppo CN, davanti a Stefano Crespi e Marco Cappucci, che terminano 12° e 13° assoluto. 

Dietro Lombardi, a rifinire la Top10, si piazzano Giancarlo Graziosi, 7°, seguito dal ceco Martin Vondrak, da Alessandro Tinaburri e Ostuni, che completano i primi 10. 

Segue Matteo Moratelli, 11°, che sfiora la Top10 e il podio in gruppo E2-SC, seguito da Crespi e Cappucci, che anticipano il solito, brillantissimo e fortissimo, Manuel Dondi, che chiude al 14° posto assoluto. Il campione romagnolo è ancora una volta il migliore tra le vetture e sbaraglia la concorrenza, con una salita fenomenale, che non lascia spazio ai rivali. 

Per Dondi arriva, naturalmente, anche la vittoria in gruppo E2-SH, davanti al ceco Dan Michl, che prova a tener testa all'italiano, ma si deve arrendere, poi, andando a chiudere a quasi 3" dal rivale. Il podio di gruppo lo ultima un altro ceco, Vladimir Vitver, su Audi-TT, che paga 1'06" circa a Dondi. Soltanto 6° Marco Gramenzi, ancora in difficoltà con la 4C motorizzata Zytek, che sembra non adattarsi alla perfezione alle gare in salita, rispetto alla vecchia e amata Alfa Romeo 155 DTM.

16° assoluto Lucio Peruggini, su 458 Italia GT3, che porta a casa la vittoria tra le GT, davanti alla Porsche 997 di Giuseppe Ghezzi e alle 458 Evo di Dario Barruchelli, mentre è 4° Roberto Ragazzi, su Ferrari 458 Evo. 

Al 20° posto chiude Giorgio De Tisi, che, con la Ford Fiesta WRC, va a trionfare tra le Gr.A davanti alle Evo di Rudy Bicciato e di Stefano Nadalini

È il tedesco Egidio Pisano, 32° assoluto, a trionfare nel gruppo E1-Italia, davanti ad un piacevole​ Roberto Di Giuseppe, al rientro sulla sua Alfa Romeo 155 e all'austriaco Armin Hafner, su A.R 147. 

Nel gruppo N, invece, secondo trionfo per "O'Play", che porta a casa anche la salita trentina, davanti a Gabriella Pedroni. La driver trentina, dopo qualche gara di stop, rientra nella prova di casa e mette in mostra tutte le sue abilità al volante, chiudendo al 2° posto. Completa il podio di categoria Thomas Vavrinec, su Lancer Evo IX.

Trionfo di Giacomo Liuzzi tra le R.S Plus, su Bmw-Mini JCW, davanti a Antonio Scappa e Silvia Pintarelli, su Mini JCW Evo, che anticipa la collega Rachele Somaschini, nella lotta per l'ultimo gradino del podio.

Maurizio Pioner, e la sua Lancia Delta HF, triofano nel Gr.ProdE, davanti alla Escort CSW di Siegfried Fedrigotti e alla M3 di Michele Massaro

Più indietro, tra le Racing Start, si impone Stefan Kraner, su Renault Clio Cup, che batte la concorrenza di Christian Fracassi e Marco Cappello. 

Tra le bicilindriche, infine, vittoria per Ettore Liberato, su FIAT 500 Giannini. 

Out, nuovamente, Francesco Leogrande e Luca Ligato. 

Il campionato si riapre, anche grazie all'assenza di Domenico Scola, che per regolamento deve saltare, così come tutti gli altri concorrenti, due gare a stagione. Intanto, prossimo appuntamento in una Puglia che si fa sempre più rovente in attesa della 60a edizione della Coppa Selva di Fasano, che si preannuncia più spettacolare che mai.


Share on Facebook