Jerez, Moto2: è sempre Marquez il più veloce

Il pilota spagnolo precede ancora una volta il suo compagno di squadra Franco Morbidelli, chiarendo che la lotta alla pole sarà un affare interno al Team Marc VDS. Bene gli italiani con Pasini, Corsi, Marini e Bagnaia nella top ten.

Jerez, Moto2: è sempre Marquez il più veloce
Jerez, Moto2: è sempre Marquez il più veloce

Dopo le prime prove libere del venerdì segnate dal maltempo al mattino e dalla pista umida al pomeriggio, la Moto2 torna in pista per la terza sessione di libere, l'ultima prima delle qualifiche e la prima totalmente asciutta. Sotto il sole andaluso è ancora una volta Alex Marquez a segnare il tempo più veloce seguito, come sempre, dal leader del Mondiale e compagno di squadra Franco Morbidelli. Bene la truppa italiana, presente in massa nella top ten. 

Come ieri pomeriggio il primo run è dominato da Franco Morbidelli che scende sotto l'1:43 fermando il cronometro in 1:42.489 seguito a mezzo secondo di distanza da Alex Marquez e da Dominque Aegerter, che conferma il buon feeling sull'asciutto. Dopo le soste ai box, il Morbido riparte mostrando a tutti di poter tenere un passo gara sotto l'1:43, l'unico a riuscirci, mentre continua a far bene tutta la truppa italiana con Bagnaia e Pasini che si prendono la quarta e quinta posizione temporanea, entrambi a sei decimi dal dominatore della classe di mezzo. Ma è nel time attack finale che scendono i tempi. Con le gomme morbide i tempi si abbassano e in molti riescono a scendere sotto il muro dell'1:43 e a fare la voce grossa è Alex Marquez che strappa ancora una volta il giro più veloce in 1:42.434. Dietro di lui il suo compagno di squadra, Morbidelli, frenato nell'ultimo assalto da Luca Marini (6°). Si conferma uno splendido Pasini, terzo a 212 millesimi dal tempo di Marquez, seguito da un altrettanto splendido Corsi a 422 dallo spagnolo. Completano la top ten della mattina Miguel Oliveira, attenzione alla KTM che sta arrivando, Jorge Navarro, Dominique Aegerter, Francesco Bagnaia e Marcel Schrotter. 

Per le qualifiche di oggi pomeriggio sarà presumibilmente un discorso tra Morbidelli e Marquez, gli unici a scendere sotto l'1:42.500, ma la truppa italiana è pronta a regalare sorprese. 


Share on Facebook