Moto2, Austria: Luthi alla carica, Morbidelli insegue

Lo svizzero mette pressione al leader del mondiale e dopo la vittoria di Brno dimostra di saper fare bene anche in Austria. Morbidelli settimo alla ricerca di decimi preziosi.

Moto2, Austria: Luthi alla carica, Morbidelli insegue
Moto2, Austria: Luthi alla carica, Morbidelli insegue

Terminano con le terze libere di Moto2 le fasi preliminari del weekend austriaco del motomondiale. Dopo Moto3 e MotoGP, tocca alla classe di mezzo scendere in pista per provare gli ultimi accorgimenti prima delle qualifiche e della gara. In questa soleggiata mattina austriaca è Thomas Luthi a far registrare il tempo più veloce in 1:29.738 precedendo la coppia tutta italiana formata da Francesco Bagnaia e Mattia Pasini

Lo svizzero quindi dopo la vittoria di Brno continua a mandare forti segnali a Franco Morbidelli: il campionato non è chiuso. L'esperto numero 12 sembra essere il più veloce sul circuito austriaco ed una sua vittoria lo proietterebbe quantomeno a soli sette punti dall'italiano che sembra soffrire le alte velocità dello Spielberg. Il pilota del Team Marc Vds, infatti, termina il suo turno di libere in settima posizione migliorando il tempo fatto segnare ieri pomeriggio di un solo decimo, contro i cinque di Luthi. 

Tra i due litiganti per l'iride mondiale si piazzano cinque piloti, tutti agguerriti e vogliosi di strappare almeno una posizione sul podio. Il primo degli inseguitori, come detto, è Francesco Bagnaia. Il pilota piemontese del Team Sky VR 46 conferma quanto di buono ha fatto vedere nella prima parte della stagione e assieme a Luthi ed a Pasini, sempre in ottima forma e terzo questa mattina, è l'unico a scendere sotto il muro del minuto e trenta secondi. Quarto è Alex Marquez, anche lui un po' in sofferenza fino agli ultimi minuti del turno di libere, dove riesce a spingere un po' di più ricevendo risposte confortanti dalla sua Kalex. Quinto, ma proiettato decisamente verso il podio, è Miguel Oliveira. Il pilota portoghese ha il compito non facile di far festeggiare la Ktm sul circuito di casa e per ora sembra potercela fare, anche se la gara di domani sarà durissima, visto le poche differenze sul passo gara tra i primi sette piloti. 


Share on Facebook