Superbike, GP d'Olanda - Lotta in casa Kawasaki, ma attenzione a Davies

Nelle prime due sessioni di prove libere è testa a testa tra i due centauri della Kawasaki, ma attenzione a Davies pronto a saltare sui rivali come un falco

Superbike, GP d'Olanda - Lotta in casa Kawasaki, ma attenzione a Davies
GP Di Assen- Lotta in casa Kawasaki, ma attenzione a Davies

Lotta in casa Kawasaki durante le prove libere del Gran Premio d'Olanda ad Assen. Se al mattino era stato Tom Sykes ad imporsi su Jonathan Rea e Chaz Davies, nel pomeriggio è stato il Campione del Mondo a dettare il passo, anticipando Davies e lo stesso Sykes. Proprio Chaz Davies si pone come terzo incomodo nel duello tra i due rider della casa nipponica, mentre è sembrato un po' più in difficoltà Marco Melandri, 10° nella FP1 e solo 9° nelle FP2. Bene, per ora, anche Aprilia ed Mv Augusta, con Savadori che chiude nei primi 5 le FP2 seguito da Camier e dal compagno Laverty. Altalenante Van der Mark, così come le Honda, che a sprazzi si son fatte vedere bene.

FP1 - Tom Sykes sorprende Jonathan Rea nella prima sessione di prove libere del Gp di Assen, in Olanda. Il centauro della Kawasaki, partito in sordina in questo mondiale, chiude la sua sessione con il miglior tempo di 1'35.676, grazie al quale relega a 215 millesimi il compagno Rea, che ferma le lancette del cronometro in 1'35.891. Alle spalle della coppia Kawasaki chiude la prima delle Ducati, quella di Chaz Davies, che paga 86 millesimi a Rea e oltre 3 decimi a Sykes, con il tempo di 1'35.977. 

Fonte: worldsbk.com
Fonte: worldsbk.com

Alle spalle di Chaz chiude il padrone di casa, Michael Van der Mark, sempre in forma quando si arriva sul circuito di casa, dove vorrà ovviamente far bene. L'olandese chiude a mezzo secondo da Sykes, in 1'36.183. Chiude, invece, la Top5 Xavi Forès, che con la Ducati del Team Barni completa il suo miglior giro in 1'36.437.

Al 6° posto troviamo un redivivo Nicky Hayden, con una Honda che sembra rinata. Il pilota americano paga, rispetto al miglior tempo, 8 decimi, che però gli valgono comunque la sesta piazza. Alle spalle dell'americano altra piacevole sorpresa, con il 7° tempo di Alex De Angelis. Il sammarinese del Team Pedercini chiude la sua sessione in 1'36.804 e paga a Sykes 1"1. 8° tempo, invece, per Eugene Laverty con l'Aprilia del Team Miwaukee, che fa segnare il tempo di 1'36"830.

In nona posizione si vede Jordi Torres con la Bmw del Team Althea, distanziato di 1"89, seguito da un opaco Marco Melandri, che chiude la Top10 con il tempo di 1'36.914. 11° Lowes, seguito da Camier con la MV Augusta e dall'italiano Savadori con l'Aprilia.

FP2 - Ribalta tutto Jonathan Rea nella seconda sessione di prove. Il campione in carica stacca il miglior tempo in 1'35"383, che gli permette di mettersi alle spalle Chaz Davies e Tom Sykes. Chaz, con la Ducati, chiude a 112 millesimi di ritardo con il tempo di 1'35"495, tenendosi dietro Tom Sykes, in ritardo di soli 37 millesimi rispetto al rivale della Ducati e staccato di 149 millesimi rispetto a Rea. 

Alle spalle dei tre tenori britannici, chiude lo spagnolo Jordi Torres, che dopo il 9° posto mattutino, chiude la seconda sessione in quarta posizione a 4 decimi di ritardo. Il suo tempo di 1'35"812 è sufficiente a tener dietro Lorenzo Savadori, 13° al mattino e migliorato sensibilmente, tanto che chiude la Top5. L'italiano fa segnare il tempo di 1'35"938 a 555 millesimi da Rea, davanti a Leon Camier, 6° in 1'36.095. 7° tempo per Eugene Laverty, che paga rispetto al miglior tempo di Rea 767 millesimi, seguito poi da Alex Lowes. Il centauro della Yamaha chiude in 1'36"226 a 8 decimi da Rea, ma fa meglio di Melandri di 44 millesimi. Il centauro italiano è 9°, ma paga 8 decimi in 1'36"270. Chiude la Top10 un ottimo Randy Krummenacher, che anticipa Van der Mark, seguito da Bradl e De Angelis, mentre è solo 18° Hayden. 

Superbike