Ornella Vanoni e Gino Paoli, 80 anni da sopravvissuti

Due grandi voci della musica italiana, legati per un periodo anche fuori dal palco, compiono 80 anni: e continuano a lavorare. “Non pensavamo che saremmo mai arrivati a questa età”.

Ornella Vanoni e Gino Paoli, 80 anni da sopravvissuti
Gino Paoli in un concerto nel 2012

Gino Paoli e Ornella Vanoni sono due totem della musica leggera italiana, nati artisticamente negli anni ’60 e sopravvissuti a tutte le mode e le età. Due punti di riferimento, due anime gentili che si sono trovate sul palco e fuori, a raccontare storie in musica. Due anime gemelle nate a un solo giorno di distanza (22 e 23 settembre) e che compiono 80 anni.

“A 80 anni una volta eri vecchio e rimanevi in casa a rompere le scatole” dice Paoli, “oggi puoi essere ancora attivo”. Paoli è stato uno degli autori più sensibili  dell’Italia degli anni ’60-‘70, un trasgressore nella vita ma sempre dolce e affidabile nei testi delle sue canzoni. “Sono stato molto fortunato, ho sempre fatto quello che ho volute nella vita. Mi sento un sopravvissuto e non avrei mai pensato di arrivare a 80 anni. Quando ne avevo 16 non ero sicuro di arrivare ai 30” ha dichiarato all’Ansa.

Quanti successi ha scritto Gino Paoli? Troppi per riassumerli tutti; l’esordio nel 1961 con “Gino Paoli”, l’anno dopo il primo successo con “Le cose dell’amore” e poi tante canzoni rimaste nella memoria degli italiani, tra i tanti passaggi a Sanremo e la splendida  “Il cielo in una stanza” . 29 album e un altro in arrivo: “Uscirà quando uscirà”. Dall’anno scroso Paoli è anche presidente della SIAE.

Ornella Vanoni è stata la voce italiana più importante dopo quella di Mina e anche lei si trova meglio continuando a lavorare che rimanendo in casa a fare la calzetta: “Non so fare il piccolo punto e non gioco a burraco. Le parole cruciate mi annoiano, quindi meglio che continui a cantare”. L’esordio insieme a Strehler nel 1957, quella voce così sottile che sembra sempre sul punto di rompersi. Inconfondibile, unica.

La Sony non si è fatta sfuggire l’occasione e pubblica in questi giorni un triplo cofanetto con gli album “Più di te” e “Più di tutto” insieme a una raccolta di successi.