Australian Open: avanzano Djokovic e Wawrinka, si arrende Lorenzi

Nole e Stan al terzo turno senza concedere set. L'azzurro vince il primo con Pospisil, ma cede in quattro. Ok Nishikori.

Novak Djokovic va di fretta. Il rivale più pericoloso per il serbo, in questo inizio di Australian Open, appare il virus influenzale che, palesatosi poco prima del match d'esordio, aveva fatto temere il peggio. In campo, Djokovic è una macchina. Il russo Andrey Kuznetsov è travolto dal numero uno, in versione extra-lusso. Djoko conquista l'86% di punti con la prima, lasciando una sola palla in break in tre set. Cinque in totale i giochi raccolti da Kuznetsov, dopo il 6-0 iniziale. Impressionante la facilità con cui Nole abusa del servizio del suo rivale. 

Senza intoppi anche il cammino di altri due favoriti della parte alta. Il campione in carica, Stanislas Wawrinka, regola in tre set il romeno Copil, giocando bene entrambi i tie-break dei primi due set. Lascia invece un set Nishikori con il temibile Dodig. Il croato conquista il primo set, ma progressivamente cede all'incedere del nipponico che chiude con il prolungamento del quarto vinto a zero. 

Feliciano Lopez, dopo aver annullato tre match point nel primo turno, supera per forfait il francese Mannarino. Al momento del ritiro, Mannarino avanti due set a uno, ma sotto 4-0 nel quarto. 

Si chiude l'avventura di Paolo Lorenzi. Il successo con Dolgopolov, non è bissato con Pospisil. Il canadese gioca una partita alterna, condita da molti vincenti, 66, e molti errori, 64. Lorenzi resta nel match, con la solita attitudine difensiva, strappando il primo set al tie-break. La partita vive sul filo dell'equilibrio e sono pochi i punti in grado di spostare l'incontro. Entrambi servono bene - Lorenzi addirittura 91% di punti con la prima nel secondo - ma la sensazione, per l'azzurro, è di un'occasione sprecata. Nel secondo, Pospisil sfrutta l'unica palla break per riacciuffare Lorenzi e impattare la partita con un altro tie-break. L'allungo canadese nel terzo sembra decisivo, ma Lorenzi è ancora lì. Si porta 3-0, con palla del 4-0, ma qui non ha la necessaria forza per dare la spallata definitiva a Pospisil. Il servizio corre in aiuto del canadese e l'incontro scappa via. Peccato. 

[1] Novak Djokovic (SRB) d Andrey Kuznetsov (RUS) 60 61 64
[4] Stan Wawrinka (SUI) d Marius Copil (ROU) 76(4) 76(4) 63
[5] Kei Nishikori (JPN) d Ivan Dodig (CRO) 46 75 62 76(0)
Donald Young (USA) vs. [8] Milos Raonic (CAN) 
[9] David Ferrer (ESP) vs. Sergiy Stakhovsky (UKR) 
[12] Feliciano Lopez (ESP) d Adrian Mannarino (FRA) 46 46 76(3) 40 ret.
Gilles Muller (LUX) d [13] Roberto Bautista Agut (ESP) 76(5) 16 75 61
Jerzy Janowicz (POL) vs. [17] Gael Monfils (FRA) 
Marcel Granollers (ESP) vs. [18] Gilles Simon (FRA)
[19] John Isner (USA) d Andreas Haider-Maurer (AUT) 64 76(4) 46 64
Steve Johnson (USA) d [30] Santiago Giraldo (COL) 63 64 62
Go Soeda (JPN) vs. [31] Fernando Verdasco (ESP)
Benjamin Becker (GER) vs. Lleyton Hewitt (AUS) 
Jarkko Nieminen (FIN) d Matthias Bachinger (GER) 76(4) 75 75
Guillermo Garcia-Lopez (ESP) d Alejandro Gonzalez (COL) 61 63 63
Vasek Pospisil (CAN) d Paolo Lorenzi (ITA)  67(3) 76(4) 63 64

Tennis