US Open, Monfils e Tsonga ai quarti di finale

I due francesi approdano tra i migliori otto di Flushing Meadows: Monfils liquida Baghdatis, Tsonga regola Sock.

US Open, Monfils e Tsonga ai quarti di finale
Jo-Wilfried Tsonga. Andrew Ong/USTA

In attesa di conoscere l'esito della sfida tra Lucas Pouille e Rafa Nadal, il tennis francese si gode due giocatori ai quarti di finale degli US Open 2016. Si tratta di Gael Monfils e Jo-Wilfried Tsonga, che in ottavi hanno sconfitto rispettivamente Marcos Baghdatis e Jack Sock. Più agevole il compito per Monfils, testa di serie numero dieci e protagonista di un'ottima stagione - non solo sul cemento nordamericano - che lo ha portato a ridosso dei primi otto del mondo. Suo avversario odierno il veterano cipriota Marcos Baghdatis, che che sin dall'inizio paga la differenza di esplosività e brillantezza con il recente vincitore del torneo di Washington. Nel primo set Monfils domina in lungo e in largo, non rischiando praticamente mai al servizio e rendendosi invece pericoloso in risposta. Dopo quarantaquattro minuti di gioco, il pubblico del Grandstand ha già compreso che il francese è padrone del suo destino, anche perchè Baghdatis affonda in una lunga serie di errori gratuiti. Anche il secondo set scivola via velocemente, un 6-2 che sembra non dar scampo all'esperto cipriota, che però ha un sussulto d'orgoglio in apertura di quarto parziale. Ma ci pensa Monfils a spegnere ogni sogno di rimonta, aggiudicandosi in un lampo sei games che chiudono l'incontro. 

Monfils (10) - Baghdatis 6-3 6-2 6-3

Sul Louis Armstrong sono invece tanti i newyorchesi accorsi per tifare Jack Sock, numero ventisei del seeding di Flushing Meadows, giustiziere di Marin Cilic nel turno precedente. Il ragazzone del Nebraska non riesce però a ripetersi, incappando in una prestazione piena di errori non forzati, che si rivelano decisivi soprattutto nei primi due set, persi con un doppio 6-3 in un'ora e un quarto di gioco. Sock pasticcia soprattutto di dritto e sbaglia anche a rete, ma va avanti di un break nel terzo parziale. Qui Tsonga reagisce e opera la rimonta, trascinando il set al tie-break: nel gioco decisivo lo statunitense si esalta, annulla un match point e fa esplodere il suo pubblico con un gran dritto che prolunga la partita al quarto. Il francese però non si scompone, supera un momento emotivamente difficile, e con un altro break del suo incontro sale 4-1, chiudendo poi la sfida in tre ore e tredici minuti di gioco. Sock non si conferma dopo la vittoria a sorpresa contro Cilic, mentre per il transalpino al prossimo turno dovrebbe esserci Novak Djokovic, in campo in sessione serale sull'Arthur Ashe contro il britannico Kyle Edmund.

Tsonga (9) - Sock (26) 6-3 6-3 6-7(7) 6-2


Share on Facebook