ATP: Basilea acclama Federer, avanti anche Nadal. A Valencia bene Murray e Ferrer

Applausi a scena aperta per un grande Federer. Lo svizzero concede poco o nulla a Muller. Tutto facile anche per Nadal. In Spagna, Murray supera Melzer, a Seppi non riesce il miracolo con Ferrer.

Il boato che accoglie Federer a Basilea racconta dell'amore incontrastato del popolo svizzero per il fuoriclasse della racchetta. Anche in una partita sulla carta di routine, le tribune, stracolme, appoggiano con continuità l'idolo di casa, fino al fragoroso saluto finale. La risposta di Federer è esente da pecche. Un match perfetto, con Roger pungente in risposta e puntuale al servizio. Muller resiste fino al 2-2 del primo set, poi, sotto pressione, crolla. Federer lo costringe a giocare scambi di livello alto e la prolungata presenza a scenari non abituali porta ad errori banali. Federer segue le sue ottime risposte e punisce prima con il passante e in seguito con la volée. L'allungo sul 3-2 spiana la strada e sul 5-2, Muller, al termine di un punto ben giocato, sbaglia la cosa più semplice, sul recupero di Roger. Si arriva a set point e fatale al lussemburghese è un impreciso tocco a rete. 

Ancor meno storia nel secondo parziale. Federer non concede nemmeno un punto al servizio e Muller, ormai sfiduciato, perde l'inerzia aggressiva di inizio partita. La risposta lungolinea di rovescio vale due immediate palle break. Federer sale 2-0 e poco dopo, sfruttando un brutto errore in prossimità del net di Gilles, si procura anche la palla del 4-0, concretizzata con un sublime rovescio. 6-1 il finale, in una partita senza storia, dominata dal re di Basilea. 

Prima di Federer, in campo Nadal. Curiosità per osservare i progressi fisici del maiorchino, debilitato dal ciclo di antibiotici. L'ostacolo transalpino Herbert è poca cosa e Rafa fatica ancor meno rispetto a quanto offerto in primo turno con il nostro Bolelli. Due soli giochi all'attivo per il francese, autore di ben 11 doppi falli, con Nadal che non cede mai la battuta, eliminando le uniche due occasioni lasciate per strada.

Risultati:

(2) R Nadal defeats P Herbert 61 61 

(1) R Federer defeats G Muller 62 61 
B Coric defeats (6) E Gulbis 76(2) 63 
A Golubev defeats T Gabashvili 63 63 
D Istomin defeats J Janowicz 61 61 
(7) D Goffin defeats I Dodig 76(0) 64

Nessuna sorpresa a Valencia. Prosegue il cammino di Andy Murray e David Ferrer. Il britannico regola in due set Jurgen Melzer. Nella partita di Murray da evidenziare l'ottimo feeling con la prima di servizio. Andy, con la prima in campo, conquista oltre l'80% di punti e realizza ben 10 aces. Salgono invece le difficoltà quando costretto a ricorrere alla seconda (solo il 30% di punti portati a casa). Per Ferrer un ostacolo azzurro. Andreas Seppi fa partita pari nel primo set, perso 6-3, nonostante una pessima percentuale di prime in campo (38%), mentre subisce i progressi di David nel secondo. Ferrer cresce in battuta e con una prima più incisiva mette ripetutamente in difficoltà un Seppi che non riesce ad avere la stessa tranquillità al servizio. Sei le palle break a disposizione di Ferrer nel secondo set, una per Seppi. Il set si chiude 7-5 in favore dello spagnolo. Fuori il ceco Berdych, battuto nettamento da un ottimo Pablo Andujar. 

Risultati:

P Carreno Busta defeats (4) F Lopez 64 64

(1) D Ferrer defeats A Seppi 63 75
(3) A Murray defeats J Melzer 63 63 
P Andujar defeats (2) T Berdych 63 62 
T Bellucci defeats M Youzhny 75 63 
(6) R Bautista Agut defeats S Giraldo 64 64