ATP Shanghai 2015: buon esordio per Andy Murray

Il britannico si dimostra subito in forma battendo l'americano Johnson in due set col punteggio di 6-2 6-4. Domani ottavo di finale contro Isner

ATP Shanghai 2015: buon esordio per Andy Murray
ATP Shanghai 2015: buon esordio per Andy Murray

Esordio vincente per Andy Murray a Shanghai nel pentultimo Masters 1000 della stagione, dove ha la possibilità di guadagnare punti importanti per distanziare Federer in classifica e confermare la seconda posizione nel ranking mondiale. L'avversario odierno era l'americano Steve Johnson, giustiziere del nostro Andreas Seppi nel primo turno, numero 47 al mondo, giocatore molto temibile su queste superfici.

Inizio diesel per Andy Murray che, complici due doppi falli - uno dei quali sulla palla break- perde subito il servizio dando una bella iniezione di fiducia al suo avversario. Ma questo game è un fuoco di paglia per l'americano: infatti lo scozzese rientra subito nel match, applicando il suo tennis molto tecnico, ricco di variazioni, che fa impazzire Johnson ed ecco che arriva una striscia di quattro game consecutivi che portano il punteggio sul 4-1. Set che si conclude con Murray che riesce a strappare un'altra volta il servizio all'americano, stavolta ai vantaggi, fissando il punteggio sul 6-2.

Il secondo parziale invece è molto più combattuto, con Murray che rallenta il ritmo forsennato del primo parziale, Johnson che aumenta il proprio rendimento, giocando punti spettacolari anche al di là delle proprie capacità. Nel quarto game l'americano si salva da 0-30 giocando uno slice lungo linea di pregevolissima fattura e un lob liftato degno del suo avversario odierno e aggancia Murray sul 2-2.

Settimo gioco decisivo per le sorti di questo incontro: lo scozzese incappa in un altro game falloso, come il primo di questo incontro, ma stavolta riesce ad annullare due palle break nonostante un paio di doppi falli commessi.

E questo game rappresenta di fatto l'ultima chance di Johnson di riaprire l'incontro e, quando la pressione aumenta sulle spalle dell'americano, ecco che il servizio cede, a 15, sul punteggio di 5-4 per lo scozzese, proprio quando doveva servire per rimanere nel match.

Ad attendere Murray agli ottavi di finale c'è un altro americano, ben più quotato di Johnson, il “bombardiere” Isner, per uno degli incontri più interessanti della giornata di domani.

ATP