Clamoroso a Wimbledon 2017, si ritira anche Djokovic! Berdych in semifinale

Dopo l'eliminazione di Murray per mano di Querrey, altra sorpresa nei quarti di finale del tabellone maschile: Novak Djokovic, impegnato sul campo 1 contro Tomas Berdych, si ritira all'alba del secondo set, per un problema al braccio destro, dopo aver perso il primo 7-6. Per il ceco è quindi semifinale, contro Roger Federer.

Clamoroso a Wimbledon 2017, si ritira anche Djokovic! Berdych in semifinale
Clamoroso a Wimbledon 2017, si ritira anche Djokovic! Berdych in semifinale
Tomas Berdych
7-6 rit
Novak Djokovic

Mercoledì thrilling a Wimbledon 2017: nel giorno dei quarti di finale del tabellone maschile, Murray, complice qualche problema fisico, cede lo scettro perdendo da Sam Querrey, ma soprattutto Novak Djokovic si ritira dopo appena un'ora e quattro minuti, cedendo il campo a Tomas Berdych (che affronterà Federer in semifinale) sul punteggio di 7-6, 2-0.

È un pubblico molto caldo quello che accoglie sul campo uno dell'All-England Club, al termine della quasi-maratona di cinque set tra Mueller e Cilic, i due contendenti dell'ultimo quarto di finale in campo, Djokovic e Berdych. L'inizio del serbo sembra buono, ma si capisce subito che non sarà una passeggiata: i primi game sono molto combattuti, a livello di punteggio ma soprattutto di mole di palleggio. I vincenti sono pochi (appena sette in totale nei primi cinque games) ma entrambi riescono, in un modo o nell'altro, a non concedere occasioni sul proprio servizio, sbagliando poco. Eppure, il colpo d'approccio del serbo inizia a calare di potenza, iniziando a mandare i primi segnali di quella che sarà poi la catastrofe: il problema è al muscolo dell'avambraccio destro, e sembra crescere col passare del tempo. I giochi procedono comunque spediti, ma i colpi da fondo del serbo non riescono a fare male come dovrebbero, costringedolo a correre più del dovuto. Berdych trova un paio di vincenti d'incontro, ma trema nel dodicesimo game: dilapidato il vantaggio di 40-0, ai vantaggi è il servizio l'appiglio per trascinare il set al tie-break. Comunque, un Djokovic più pimpante sembra dimostrare di essere nella partita, quantomeno a livello mentale. Il game decisivo è però un assolo: l'ex-numero 1 del mondo non regge da fondo e non riesce a contenere l'avversario, soprattutto dal lato del rovescio. In un batter d'occhio Berdych vola avanti di due mini-break, si cambia campo sul 5-1, si chiude sul 7-2.

Djokovic ricorre all'intervento del fisioterapista, che lavora proprio tra il gomito e l'avambraccio, ma purtroppo il problema, in una zona così cruciale per un tennista destrorso, non si riesce a domare: dopo appena due game (ed un break) del secondo set, il numero 3 del mondo è costretto ad alzare bandiera bianca, dopo un dritto totalmente fuori giri. Out anche il terzo dei Fab Four, Berdych centra la terza semifinale della sua carriera sui prati inglesi. 


Share on Facebook