WTA Finals: Ivanovic batte Halep, ma non basta. Williams avanti

Il secondo set conquistato dalla romena consente alla n.1 del mondo di continuare la corsa a Singapore.

Serena Williams tira un sospiro di sollievo e ringrazia la correttezza di Simona Halep. La romena non fa calcoli e gioca per vincere contro la serba Ivanovic. Non una partita decisiva per la Halep, già qualificata, anzi un'occasione per tagliar fuori la dominatrice del circuito. Il tennis si mostra invece ancora una volta sport differente, prevale la cultura del rispetto e quella tra Halep e Ivanovic è partita vera. La vince al terzo Ana Ivanovic, ma agli applausi non segue la qualificazione, in virtù di un quoziente set negativo nel confronto con Serena. . 

La serba risorge più di una volta, fino a sfiorare l'impresa. Nel primo set si ritrova sotto per cinque giochi a due, ma con carattere ritrova la parità, annullando anche un set point sul 5-6 del tiebreak. Lo scenario è similare nel secondo parziale. La Halep parte meglio, ma sul 4-1 è nuovamente in difficoltà. La seconda risalita della Ivanovic si ferma sul più bello. Dall'1-4 30-40 al 3-4 con palla del 4-4. Qui una smorzata di talento della romena spegne l'ultima fiamma serba. 

Persa la possibilità di qualificazione - serviva alla Ivanovic una vittoria per due set a zero - la serba libera braccio e mente e conquista di forza il terzo set. Decisivo il break nell'ottavo gioco.

Ivanovic - Halep 76 36 63  

DOPPIO - Il sogno di Sara Errani e Roberta Vinci si interrompe ai nastri di partenza. Il duo azzurro, alla ricerca di un titolo ancora assente nella ricca bacheca, deve fare i conti con i problemi fisici della Errani. Dura la miseria di tre giochi l'avventura a Singapore contro la coppia Peschke-Srebotnik. Queste le parole della Errani "Ho ancora forti dolori intercostali dovuti alla tosse che nelle scorse settimane mi ha tenuto ferma e per la quale ho dovuto saltare anche il torneo di Mosca. Ho provato diverse cure e la situazione sembrava essere migliorata, invece stanotte ho ricominciato a tossire fortissimo: nonostante questo ho deciso di scendere in campo per rispetto verso Roberta e verso tutti, ma il Masters per noi è veramente maledetto".